Imbarcazioni d'epoca: da CP 239 a CP 243 progetti "Sonny" Levi Cantieri Rodriquez Messina

Imbarcazioni d’epoca: da CP 239 a CP 243 progetti “Sonny” Levi Cantieri Rodriquez Messina

Motovedette della Guardia Costiera

Questo gruppo di motovedette della C.P. Guardia Costiera composto dalle seguenti unità: CP 239 – CP 240 – CP 241 – CP 242 – CP 243.

In calce alle foto potete leggere tutte le caratteristiche tecniche di queste pregevoli imbarcazioni.

Motovedetta CP 239

CP 239 Cantiere Rodriquez Messina progetto Renato Levi

Motovedetta CP 240

CP 240 Cantiere Rodriquez Messina progetto Renato Levi

Motovedetta CP 240

CP 240 Cantiere Rodriquez Messina progetto Levi
Una suggestiva immagine vista dal fly

Motovedetta CP 242

CP 242 Cantiere Rodriquez Messina proggetto Renato Levi
CP 242 vista in planata

DATI DI TARGA

CP 239 – CP 240 – CP 241 – CP 242 – CP 243

  • Progetto: “Sonny” Renato Levi
  • Cantiere costruttore: Leopoldo Rodriquez Messina
  • Data di costruzione: 1973 – 1974
  • Dislocamento a pieno carico: tonn. 23,5
  • Scafo: legno di mogano in quattro strati lamellari incrociati diagonalmente.
  • Lunghezza fuori tutto: m.16,80
  • Larghezza: m.5,02
  • Pescaggio: m.1,70

Apparato motore originario:

  • N°2 motori Diesel Isotta Fraschini ID36 SS 6V da 760 HP ciascuno
  • N.dei giri/min: 1950
  • Velocità max: 28,6 nodi.
  • Eliche: n°2 in lega Mibral

CP 243 durante la missione in Albania

CP 243 durante la missione in Albania “Contrasto antimmigrazione in Albania” (1997)

CP 243 ai comandi C.C. Tito Mancini - Missione in Albania

CP 243 – ai comandi C.te Tito Mancini – “Missione di contrasto antimmigrazione” in Albania (1997)

CP 243 all’ormeggio durante la Missione in Albania

CP 243 all’ormeggio – Missione in Albania

 Altomareblu – Tutti i diritti riservati. Note Legali

 

Articoli Correlati

Lascia un commento:

119 commenti
  1. Paolo Guidi
    Paolo Guidi dice:

    Gentilissimo Sig. Vitale,

    grazie infinite per la pronta e gradita risposta!! Sono io che La ringrazio per il tempo che dedica all’argomento di nostro interesse e che unisce cosi’ tanto, numerose persone di cui ,poi, ne traiamo tutti il beneficio del “rincontraci”, del “condividere”.

    Un pensiero, poi, per l’ing. Renato Levi, suo amico e grande progettista che ci ha donato tanta sicurezza nella navigazione!!

    Buona serata.
    Paolo Guidi

  2. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gent.mo Paolo Guidi,

    La ringraziamo per quanti ci riferisce in merito ai Suoi ex colleghi delle specialissima Super Speranza serie 230 ed oltre, nello specifico ci racconta della CP 240 e simpaticissimo l’aneddoto di quanto disse in merito a queste autentiche rocce del mare, che la 240 e le similari della stessa serie, appariva “importante” oserei dire anche maestosa nel modo di presentarsi in mare e soprattutto in navigazione.

    Forse le più tecnologiche m/v attuali non riescono ad eguagliare la grande tenuta che avevano le Super Speranza con mare anche 10 e basta vedere il salvataggio dell’equipaggio della CP 233 effettuato nel naufragio del mercantile inglese London Valour di fronte alla diga forse del porto di Genova avvenuta a causa di una libecciata da mare 10 per capirne il suo grande valore, oltre si membri dell’equipaggio di cui uno, il Comandante Tito Mancini è mio personale amico.

    Il comandante di allora della CP 233 oggi Ammiraglio in pensione Telmo fu decorato con la medaglia d’oro al Valore di Marina e gli uomini dell’equipaggio con la medaglia d’argento al Valore di Marina, per il grande coraggio e lo spirito altruistico con cui riuscirono a salvare ben 23 marinai della sfortunata nave. Purtroppo vi furono diverse vittime e veramente di più non si poteva… Può vedere qui su AMB i resoconto di quel tragico naufragio e aggiungo solo che tutto questo fu possibile grazie alla grande CP 233 Super Speranza ed al suo grandissimo equipaggio di veri marinai, dotati di passione e tanto altro ma anche di attributi rarissimi da trovate nei giovani delle attuali generazioni…

    Un immenso grazie per averci scritto ed un caro saluto a Lei ed ai sui ex colleghi di bordo e mi permetto anche di ricordare il grande progettista di questa e tante altre fantastiche barche, che proprio pochi giorni fa è venuto a mancare all’affetto dei suoi cari e di tutti i suoi amici ed estimatori: l’ing Renato “Sonny” Levi, che era anche mio personale amico.

    Ciao “Sonny” i tuoi capolavori non li dimenticheremo mai!!

    Giacomo Vitale

  3. Paolo Guidi
    Paolo Guidi dice:

    Gent.mo Sig. Giacomo Vitale,

    “navigando” in internet ed FB alla ricerca di vecchi colleghi del servizio militare (ero in Accademia di Livorno col 69° corso AUCD nel 1974), sono casualmente entrato nel sito AMB e sono stato felicemente e sorprendentemente colpito nel rivedere le foto della mitica CP 240 di Compamare Vibo !!

    Che emozione !! Io sono stato in Capitaneria di Vibo Marina dall’Aprile 1975 al Maggio 1976 nell’ufficio Armamenti e Spedizioni, prima, e Demanio, poi (dopo la promozione a Guardiamarina), e ho conosciuto molto bene il C.te Bellantone e Capo Cattaneo menzionati nel commento di Mariano Angelica che ho pure conosciuto e che caramente saluto !! Che dire… era un’imbarcazione perfetta sia dal punto di vista meccanico che della manutenzione e della pulizia!!

    Mi permetto di raccontare un piccolo aneddoto: ricordo che pure un grande personaggio della TV (Mike Buongiorno), approdato nel porto di Vibo, chiese informazioni circa questa imbarcazione che (parole di Mike Buongiorno)) appariva “bella ed importante”. Ringrazio questo sito per l’ospitalità’ ricevuta e Le rinnovo i miei più cordiali saluti !!

    PS. ancora un caro saluto a Mariano Angelica e a Stefano Achille che mi fu collega di sezione in Accademia.

  4. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentile Comandante Giuseppe,
    La ringraziamo per le indicazioni fornite e vediamo se riusciamo a trovare tali articoli in modo da pubblicarli nei commenti di seguito, ovviamente citando le fonti giornalistiche di riferimento. Così potremo saperne di più!
    Cordiali saluti,
    Giacomo Vitale

  5. giuseppe
    giuseppe dice:

    Buongiorno a tutti,
    questi sono gli articoli di stampa, letti con sommo dispiacere dal sottoscritto, pubblicati dalla Capitaneria di porto di Siracusa, in relazione all’episodio dell’incendio della M/V CP 241 avvenuto nel maggio 2013:

    Guardiacostiera.it
    Dettaglio articolo di stampa locale
    Titolo: Motovedetta in disuso in fiamme
    La Sicilia – 14/05/2013 – Articolo inserito da: Siracusa

    Guardiacostiera.it
    Dettaglio articolo di stampa locale
    Titolo: Motovedetta della Capitaneria di Porto in fiamme al Molo S. Antonio
    Libertà – 14/05/2013 – Articolo inserito da: Siracusa

    Guardiacostiera.it
    Dettaglio articolo di stampa locale
    Titolo: Siracusa, brucia la motovedetta ad uso monumentale del molo S.Antonio sul posto Vigili del Fuoco, Capitaneria e Polizia.
    Siracusa news – 13/05/2013 – Articolo inserito da: Siracusa

    Informo a chi è interessato, che nella Capitaneria di Porto di Siracusa esiste già un modellino dell’unità, costruito in scala e curato nei minimi dettagli da un artigiano locale quando la motovedetta era ancora operativa.
    Saluti,
    Giuseppe

  6. Felice De Leo
    Felice De Leo dice:

    Salve Comandante Giuseppe Micali,
    lieto di averLa incontrata anche se solo sul web!

    Ho avuto modo di fotografare la CP241 alata all’ingresso della Dogana di Siracusa nel 2005 e miseramente abbandonata dietro ad un parcheggio dei bus turistici lo scorso ottobre. Dato che l’Unità viene descritta come distrutta dalle fiamme nel 2013, mi chiedo: quale imbarcazione ho fotografato?

    Mi unisco alla richiesta dell’Amico Giacomo Vitale, affinché Lei voglia narrarci quanto di Suo gradimento sui sette anni in cui ha comandato la CP241.

    RingraziandoLa per la Sua disponibilità e cortesia, resto in attesa di una graditissima risposta.
    Felice De Leo

  7. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentilissimo Comandante Giuseppe Micali,
    La ringraziamo veramente tanto per la Sua disponibilità e visto che l’amico Felice cercava notizie circa la CP 241 Super Speranza, visto che Lei è stato l’ultimo Comandante per sette anni, potrà certamente raccontarci di quell’incendio che l’ha distrutta per sempre e di eventuali momenti particolari in cui insieme al Suo equipaggio avrà partecipato a qualche operazione di salvataggio o altri interventi in condizioni difficili…
    Farebbe certamente molto piacere a tantissimi leggere di queste storie di vita vissuta in mare da uomini speciali sempre pronti a dare il meglio di loro stessi per aiutare, soccorrere e salvare chi è in pericolo!!
    Restiamo in attesa dei suoi racconti e non si preoccupi della forma ecc. ci pensiamo noi di AMB!!
    Un caro saluto a Lei Comandante Giuseppe ed all’amico Felice, che se vuole può fare anche altre domande al Comandante Giuseppe, vista la sua gentile disponibilità.
    Un caro saluto,
    Giacomo Vitale
    AMB

  8. giuseppe
    giuseppe dice:

    Salve Felice,
    ho visto che cerchi notizie sulla CP 241. Sono stato l’ultimo Comandante per sette anni prima che venisse radiata. Se posso aiutarti in qualche modo in quello che cerchi ne sarei molto felice.
    Cordiali saluti,
    Giuseppe

  9. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentile, Felice De Leo,
    mi dispiace moltissimo per la 241, ma dalle notizie inviateci da Giuseppe il 05/06/2013 alle 10:37 che ci comunica testualmente: …la favolosa CP 241, adesso non esiste più, è stata data alle fiamme..” Un grande dolore leggere questa notizia e non dico null’altro, visto che si possono certamente immaginare i sentimenti dei veri marinai di fronte a certi scempi…
    Per avere notizie dell’onorato servizio svolto da questa motovedetta si dovrebbe chiedere alle CP dove ha prestato servizio…
    Per riprodurre la Super Speranza puoi acquistare on-line i disegni presso l’ANB di Bologna; basta andare a questo link e seguire le istruzioni:
    http://www.anb-online.it/navi-da-guerra/guardia-di-finanza/1243-motovedetta-super-speranza/
    la motovedetta che segnalo è della Guardia di Finanza, ma sostanzialmente è la stessa selle suoer Speranza della Guardia Costiera!!
    Spero di esserti stato d’aiuto!!
    Cordiali saluti,
    Giacomo Vitale

  10. Felice De Leo
    Felice De Leo dice:

    Salve, ma non si può davvero fare nulla per restaurare la CP 241?
    Versa in uno stato disastroso, ieri ho scattato delle foto e che dolore vederla ridotta allo stato di un barcone abbandonato, mentre 9 anni prima faceva bella mostra di se , alata, all’entrata della dogana di Siracusa?
    Mi piacerebbe, tra l’altro, poterla riprodurre modellisticamente in scala e conoscere la vita operativa.
    Grazie per l’attenzione, Felice.

  11. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentilissimo Mariano Angelica,

    ti ringrazio per tutto quello che hai riferito riguardo alla CP 240 ed i tuoi trascorsi a bordo di questa straordinaria ed irripetibile unità che già nel nome faceva capire tutto il suo temperamento e le sue indiscusse qualità dovute ad una tenuta in mare, senza paragoni.

    Ricordo il soccorso a Genova da parte dell’equipaggio della CP 233, mare 9 – 10… ai marinai – naufraghi della London Valour, mercantile inglese… e d’altronde basta leggere tutta la cronaca di quei tragici momenti, che ogni commento risulta superfluo.

    Un caro saluto a te ed a tutti quelli che furono i tuoi commilitoni della leva 1975/1976 ed Auguri sinceri per le Festività di Natale e fine anno.

    Giacomo Vitale

  12. Mariano Angelica
    Mariano Angelica dice:

    Gentilissimo Sig. Giacomo Vitale,

    casualmente sono entrato nel sito di AMB ed ho letto alcuni commenti sulla gloriosa CP240. Anche io sono stato a Compamare Vibo da militare, classe 2° 55 dal Aprile 1975 ad Giugno 1976, poi trasferito a Compamare Porto Empedocle.

    Anche se ero in Uff.Leva e Mob. posso testimoniare le missioni effettuate dalla CP240 ed il suo Equipaggio C.te TV.Bellantone, il mitico Capo Cattaneo (con la fatidica frase “mo ti arronzo” quando qualche cosa andava male).

    Per il resto per noi è stato un Papà. Tornando alla CP 240, teneva il mare facendo invidia a tutti. Da Vibo Marina quando la vedevano uscire dal porto con Cattaneo in piedi a Prora, i pescherecci (bombaroli) fino alle coste Salernitane si davano la voce e per loro erano ca… amari.. non parlando poi degli interventi congiunti con GdF/ e CC.

    Un cordiale saluto da Palermo e Buone Festività
    Mariano Angelica

  13. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Caro Stefano,

    condivido quello che dici in merito alla brutta vicenda della CP 241 ed è decisamente rilevante la tua passione per aver acquistato la ex “CP 240 Super Speranza”, tenendola in vita come merita. Un atto d’amore. prima di tutto e ti considero un uomo fortunato, poiché non è da tutti sostenere un impegno simile. Certamente sarai un “vero marinaio” e mio complimento sinceramente per questo.

    Un caro saluto e se lo vuoi a noi di AMB fa piacere seguire le sorti di queste ex moto vedette della Guardia Costiera, quindi se vuoi tienici informato sulla “seconda vita” della tua “CP 240”, inviandoci notizie e foto che pubblicheremo certamente, per gli appassionati di questa tipologia di unità.

    Giacomo Vitale

  14. stefano.achille
    stefano.achille dice:

    Peccato per la 241, gemella della “mia” 240…però meglio alle fiamme che covo di drogati e simili……le colpe stanno nell’aver lasciato che facesse quella fine indecorosa per una Unità del Corpo che ha battuto con orgoglio la nostra bella bandiera e su cui hanno effettuato onorato servizio molti nostri ragazzi….”Tutti adorano Dio ed il soldato in tempi di guai, poi quando le cose vanno per il meglio Dio viene dimenticato ed il vecchio soldato viene disprezzato” (da una garitta di Gibilitarra- nel quadrato di Nave Cedro 1979!!!!!)
    un saluto

  15. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Caro Giuseppe,
    ti ringrazio per averci scritto ancora una volta, anche se è tristissima la circostanza e sono molto contrariato per la brutta fine che ha coinvolto un capolavoro come la Super Speranza CP 241, soprannominata “motovedette roccia”, come tutte le altre della stessa serie per la loro grande tenuta in mare anche in condizioni estreme ed il salvataggio dei naufraghi della London Valour, (Genova, 9 aprile 1970) eseguito dai valorosi membri della CP 233, lo dimostra.
    Vorrei dire tante cose… Tuttavia, è meglio che questa m/v non ci sia più, visto la fine indecorosa che le hanno riservato. Un offesa imperdonabile al valore di uomini coraggiosi ed appassionati del loro lavoro e di mezzi speciali della C.P. “Guardia Costiera”.
    Ricambio sinceramente i saluti e come tu dici, speriamo presto in tempi migliori.
    G.V.

  16. Giuseppe
    Giuseppe dice:

    Buon giorno a tutti,

    scrivo queste due righe per esternare il mio profondo dispiacere per quanto accaduto e che adesso vi dico:

    Vi ricordate quanto avevo scritto della CP 241 nel luglio del 2011? Ebbene la favolosa CP 241, adesso non esiste più, è stata data alle fiamme. Mi conforta un pochino il fatto che forse è stato meglio così anziché essere ricovero di tossicodipendenti ed extra comunitari come avevo a suo tempo scritto e poi qualcuno aveva documentato con foto.

    Colgo l’occasione per salutare tutti e sperare in tempi migliori.

  17. giovanni
    giovanni dice:

    Ciao Mimmo,

    non ricordo di avere avuto il piacere di conoscerti, saro sbarcato prima. Ricordo che il secondo di macchine era Salvatore (nn ricordo il cognome), ora invio qlc foto ad AMB, magari ti ricordi.

    :-)

  18. mimmo sileno
    mimmo sileno dice:

    Salve,
    rispondo a Giovanni Giannotti:
    non mi ricordo di te, ma nel ’94 ero a Messina e sono stato imbarcato subito dopo come sottordine di macchina a Cardile, il quale poi è sbarcato lasciandomi il posto di direttore. Subito dopo siamo partiti per l’Albania, con a bordo: Mancuso (il grande), Bastiano Greco, Aiello e Buttiglione.
    Se ti ricordi di me fammelo sapere!
    Ciao,
    Mimmo Sileno

  19. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentile Giovanni,
    grazie per averci scritto e per quello che dici di AMB e siamo contenti che hai avuto la possibilità di ricordarti del periodo che hai trascorso a bordo della CP 239 insieme a tutti i componenti dell’equipaggio di allora, Sperando riesca a dicembre ad incontrare e salutare a Messina tutti quelli che erano imbarcati con te nel 1994.
    Per inviarci una foto da pubblicare nel tuo commento, scrivi a [email protected] ed allega l’immagine.
    Cordiali saluti,
    Giacomo Vitale
    AMB

  20. giovanni giannotti
    giovanni giannotti dice:

    Ciao,
    complimenti per il blog!
    Sono stato imbarcato sulla CP 239 nel 1994 ed ho fatto parte del 7°94 distaccato a Messina, mentre la motovedetta si trovava a Brindisi.
    Siamo stati anche a Bari, Augusta (dove abbiamo fatto i grandi lavori) e Pantelleria in servizio di contenimento immigrazione e anti contrabbando. Conservo dei ricordi molto piacevoli e aneddoti molto belli del periodo di imbarco e dell’equipaggio.
    Capo Mancuso, Capo Cardile, Salvatore, Marco e Gino (miei commilitoni) che continuo a considerare come una seconda famiglia. A dicembre dovrei essere a Messina e non mancherò di andare a salutare i capi. Avrei piacere a riallacciare i contatti con i commilitoni Marco Larosa e Gino Pappalardo.
    Correi pubblicare una foto di quel periodo. Fatemi sapere.
    Grazie

  21. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentile Stefano Achille,
    ti ho scritto in privato comunicandoti le coordinate di Luciano Grazioli..
    Spero che riusciate a comunicare direttamente tra voi.
    Cordiali saluti a entrambi!
    Giacomo Vitale

  22. stefano.achille
    stefano.achille dice:

    Non riesco a contattare Luciano Grazioli!!!! Ma lo voglio salutare, certo che mi ricordo di lui ai bei tempi in cui ero imbarcato!!!

  23. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentile Luciano Grazioli,

    abbiamo inviare questo suo messaggio a Stefano Achille che provvederà a contattarla direttamente, nel rispetto della legge sulla privacy.

    La ringraziamo per averci contattato. Cordialità!

    Giacomo Vitale

  24. Luciano Grazioli
    Luciano Grazioli dice:

    Caro Stefano,

    sono Luciano Grazioli. Ci siamo conosciuti in servizio, non ricordo presso quale Capitaneria: forse a Palermo, quando hai portato là una motovedetta nuova. Ora ho causualmente trovato questo sito con alcununi tuoi messaggi. Desidero mettermi in contatto con te. Puoi farmi avere la tua e-mail privata?

    Con viva cordialità,
    L. Grazioli

  25. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Caro Stefano Achille,

    in qualità di amico personate di Tito Mancini posso assolutamente dire che la motivazione della Medaglia al Merito riservatagli dalla Marina Militare è quantomai azzeccata ed in più aggiungo che egli è un grande marinaio che ha basato le sue conoscenze sulla semplicità, sapendo trasmettere ai suoi subalterni le sue esperienze, formando ottimi marinai sempre con una “infinita umiltà” che rendono veramente “grande” questo piccolo marinaio, dotato di un cuore immenso e di tanta dedizione con cui ha svolto la sua professione di appartenente alla Marina Militare – Guardia Costiera.

    Grazie per averci scritto e per la graditissima segnalazione.

    Un caro saluto.
    Giacomo Vitale

  26. Stefano Achille
    Stefano Achille dice:

    …a proposito di Tito Mancini, incollo la motivazione di Medaglia Argento Merito di Marina concessa recentemente (ora per allora…) al grande amico di tutte le Motovedette: Con D.M. n. 18 in data 25 febbraio 2011, al secondo capo nocchiere di porto (ora capitano di fregata) Tito Mancini, nato il 18 novembre 1945 a Milano è stata concessa la medaglia d’argento al merito di Marina con la seguente motivazione:

    Sottufficiale imbarcato su motoveliero, ha partecipato alla spedizione in Antartide per scopi prettamente scientifici nel periodo dal 1° luglio 1973 al 27 giugno 1974.

    Durante la missione ha affrontato tempeste, insidie degli iceberg e disagi derivanti dall’ambiente particolarmente ostile con continuo rischio della propria incolumità. Fulgido esempio di perizia marinaresca, abnegazione, spirito di sacrificio e senso del dovere, con il suo contributo ha dato lustro e prestigio alla Marina militare.

    Acque internazionali (Antartide), 1973 – 1974.

  27. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentile gigi,

    ti ringraziamo per il tuo commento e se vuoi inviarci le foto più belle inerenti alle mitiche Super Speranza CP 233 e 242 e degli equipaggi dell’epoca, le pubblicheremo in questo spazio, magari si possono ritrovare commilitoni che si son persi di vista e poi sono sempre bellissimi ricordi per tutti di tempi, di gran lunga migliori da quelli attuali…

    Un caro saluto,
    Giacomo Vitale

  28. Gianluigi
    Gianluigi dice:

    Ciao a tutti, sono Gigi.

    Ho letto con molto piacere i vostri interventi riguardo la CP 242 (primi anni ’90). Vorrei farvi sapere che anch’io, in quel periodo, ho fatto parte dell’equipaggio e precisamente sono stato il motorista che, verosimilmente, l’amico Carlo ha sostituito nel 1991.

    Conservo con tanto piacere e soddisfazione un’infinità di ricordi e numerose fotografie sia della “nostra” 242, nonché della CP 233, sua compagna alla Compamare Porto Torres all’epoca.

    Saluti, a presto.

  29. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Grazie a voi tutti fedeli lettori che seguite con affetto AltoMareBlu e voi tutti siete la migliore risposta al nostro appassionato impegno.

    Siamo sempre pronti ad accogliere, quando possibile, tutte le vostre richieste. Un caro saluto a te Moreno ed a tutti gli uomini che sono stati a bordo delle motovedette della CP Guardia Costiera e della Guardia di Finanza. A voi tutti i nostri sentimenti di stima, affetto e comprensione del lavoro duro e spesso rischioso al quale hanno svolto o svolgono attualmente tutti i giorni.

    Giacomo Vitale

  30. Moreno
    Moreno dice:

    Ciao Giacomo.

    Ti ringrazio per avermi messo in contatto con Antonio e avermi dato l’opportunità di ravvivare i bei momenti passati sulla mitica CP243.

    Sinceri saluti.
    Moreno

  31. Antonio
    Antonio dice:

    Ciao Moreno,

    ho trascorso sulla CP243 quasi lo stesso periodo di tempo (01.10.1976-02.07.1977). Eravamo in sei a vivere a bordo. Di capo Scialla mi ricordo molto bene, che veniva ogni giorno sulla sua lambretta e di Momo (Girolamo), con il quale ho contatti tramite facebook. Degli altri ho dimenticato i nomi. Mi farebbe piacere scambiare qualche ricordo con te. Avrei due foto che potrebbero interessarti, tu forse ti ricordi dei nomi, ma non so come inserirle nel commento.

    Equipaggio

    Equipaggio

    Per favore Giacomo, puoi farmi sapere come farlo?
    Cordiali Saluti

    Antonio

  32. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Caro Moreno,

    non mi annoi mai quando parli di “signore barche” come le carene Levi ed in particolare della serie CP Super Speranza, motovedette straordinarie ed irripetibili, perché oggi, ormai, nessun cantiere costruisce più capolavori simili.

    Bello il ricordo della scorta con la CP 243 che avete fatto a suo tempo alla mitica “Amerigo Vespucci”… se hai qualche foto.. inviacela…

    Grazie ancora ed un caro saluto,
    Giacomo

  33. Moreno
    Moreno dice:

    Ciao Giacomo,

    come giustamente hai fatto notare, “Bagnarola” era un appellativo affettuoso della CP243. Era un piacere sentire il rombo dei due V6 Isotta Fraschini. Spesso entravo apposta in sala macchine per ammirare i motori. Ricordo ancora che con il capo motorista Scialla lucidavamo, addirittura con il Sidol, le quattro calotte di rame che si trovavano sulle bancate dei motori. Ero l’unico che dormiva e viveva a bordo. Per 8 mesi è stata la mia casa, mi sentivo quasi in colpa, quella non era naia ma una vacanza pagata! Abbiamo avuto anche il piacere di scortare la Vespucci da Napoli a Castellammare per la ricorrenza del varo dai cantieri di Castellammare.

    Non ti voglio annoiare oltre.

    Ti ringrazio per i piacevoli ricordi che mi hai suscitato con il tuo blog!

    Saluti
    Moreno

  34. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Ciao Moreno,

    ti ringrazio per questa tua simpatica testimonianza, ma ci tengo a precisare, agli amici appassionati che ci seguono che l’appellativo di “Bagnarola” che avevate affibbiato alla CP 243 era solo affettivo, poiché in realtà è una m/v che navigava come una “roccia”.

    Inamovibile in mare formato ed anche di valore elevatissimo. Basta guardare il salvataggio della CP 233 dei marinai della London Valour, naufragata di fronte alla diga foranea del Porto di Genova nel lontano 1970 a causa di una improvvisa e violentissima mareggiata.. http://www.altomareblu.com/genova-9-4-1970-london-valour-il-naufragio/

    Grazie per averci scritto,
    Giacomo Vitale

  35. Moreno
    Moreno dice:

    Ciao Giacomo,

    casualmente sono entrato nel tuo blog ed è stato veramente emozionante vedere le immagini della CP243 su cui ho navigato da novembre 1977 a giugno1978. In quel periodo c’erano:
    il comandante Percario, il capo motorista Scialla, il nostromo purtroppo non lo ricordo, mentre come “ciurma” c’era Sabato, Rino, Mimmo ed io. Eravamo ormeggiati nel porto di Salerno tra le MV della GdF e la motonave Faraglione che portava i turisti ad Amalfi Capri etc etc..

    La chiamavamo CP243 “la bagnarola”.. beh sono passati 34 anni e rivederla fa un certo effetto..

    Saluti
    Moreno

  36. Anonimo
    Anonimo dice:

    Ciao a Tutti,

    scrivo in merito all’intervento di Carlo della CP 242. Siccome sono passati un po’ di anni, non mi ricordo bene chi sei, anche perchè mi ricordo i cognomi (spero) e avrei bisogno di un aiutino. Non se è possibile qui su AMB, scambiando anche altri dati, magari con l’aiuto di Giacomo potremmo approfondire.

    Per le esperienze sulla CP242… resteranno indelebili e per quanto riguarda la sera all’Asinara… aspetta un po’ ma Carlo S., se sei tu ti mando un grandissimo saluto!!! Quella sera è stata proprio infernale, per non parlare del bel mare lungo della mattina dopo…e del ritrovamento del relitto!! Che bell’esperienza.

    Grazie a tutti per mantenere sempre vivo un carissimo ricordo.

    Ciao,
    Carlo

  37. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentile Carlo,

    ti ringraziamo per la tua appassionata testimonianza e congratulazioni per il modo con cui hai vissuto questa indimenticabile esperienza.

    Se hai foto dell’epoca di eventi particolari vissuta bordo della CP 242, non esitare ad inviarceli. Li pubblicheremo volentieri, certi di far felici tanti tuoi ex colleghi che sono stati imbarcati su questa mitica m/v.

    Un cario saluto,
    Giacomo Vitale

  38. Carlo
    Carlo dice:

    Ciao a tutti,

    mi chiamo Carlo e da settembre 1991 fino a luglio 1992 ero addetto alle macchine della mitica CP 242, in forza a Compamare Porto Torres. Ne abbiamo vissuto di cotte e di crude, anche avergli fatto da tappo di fusione nell’impianto di raffreddamento con mare forza sei nel Golfo dell’Asinara. Lo rifarei senza indugio perche un imbarcazione del genere merita questo e più di questo.

    Grazie a tutti e se Andrea che ha postato nel 2008 è di Genova, allora era un mio commilitone.

  39. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentile Tommaso Traverso,

    per le informazioni che chiedevi ti informiamo che:
    La m/v CP 315 ebbe un incendio a bordo negli anni 90′, forse mentre era in ingresso all’imboccatura di un porto. L’equipaggio si salvò senza problemi.
    La barca era destinata alla CP di Olbia e forse loro conoscono tutta la storia, anche se difficilmente si parla di queste cose…

    Non risulta ci siano foto del tragico evento.
    La m/v era un Baglietto (Varazze) costruita nel 1988, lunga circa 18 mt. con 2 CRM da 850 CV ciascuno.

    Cordialità,
    Giacomo Vitale

  40. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentile Massimo,

    – per la CP 241 sono “Senza Parole!!”
    – per la CP 315 cerchiamo di informarti e darne notizia in questo spazio
    – per rintracciare l’equipaggio della CP 252 del 1988/89 ci auguriamo che questa tua richiesta possa essere letta dalle persone che hai nominato!!!

    Ti ringraziamo per i tuoi graditi complimenti,

    Cordiali saluti,
    Giacomo Vitale
    AMB

  41. massimo
    massimo dice:

    Ciao a tutti,

    nel 1988 facevo parte dell’equipaggio che ha varato la cp 315, sapete darmi notizie precise su questa imbarcazione?

    Da quel poco che ne so io sarebbe affondata ma non so dirvi tempo e luogo.

    Successivamente ho fatto parte dell’equipaggio della 252 (dal novembre 1988 al maggio 1989) mi farebbe piacere salutare tutti i miei compagni dal comandante Noris, al direttore di macchina Mallus, poi Andrea Riccardo, Andrea e Giuseppe.

    Ciao e complimenti per il lavoro svolto

    Massimo Traverso

  42. Marzio
    Marzio dice:

    Credo che Giuseppe abbia un legame particolare con la 241, e soffra anche più di me nel vedere quella che è stata il nostro fiore all’occhiello ridotta a ricettacolo di sbandati e vandali.

    Vederla trasformata in “murales” mi ha riempito di rabbia, tanto da spingermi a scattare quelle foto e pubblicarle come denuncia. Sto predisponendo una lettera che intendo inviare al Comando Generale ed alla Capitaneria di Porto di Siracusa.

    Sto anche verificando anche la possibilità di presentare una denuncia contro ignoti.

    Marzio

  43. Tito Mancini
    Tito Mancini dice:

    Carissimo Giuseppe,

    grazie a un nostro affezionato e attento lettore, abbiamo ricevuto le fotografie che dimostrano, purtroppo la tua analisi. C’è qualcuno disposto ad intervenire per modificare l’attuale degrado del monumento in questione?

    Monumento CP 241 Monumento CP 241 Monumento CP 241
    Monumento CP 241 Monumento CP 241 Monumento CP 241 Monumento CP 241

    Noi tutti, appassionati, lo speriamo vivamente.

    Tito Mancini

  44. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentile Giuseppe,

    prendiamo atto di quanto dici e se Edoardo vuole replicare… noi siamo sempre qui… Grazie per averci scritto.

    Saluti,
    Giacomo Vitale

  45. Giuseppe
    Giuseppe dice:

    Avrei anch’io piacere che tutto quello che dice Edoardo riferendosi alla CP 241 fosse vero.

    Purtroppo ho constatato di persona, con immensa amarezza, che le cose non stanno come dice Lui e allo stato dei fatti, sicuramente non potrà inviare alcuna foto del “monumento”, perché non si potrebbe aggiustare neanche con i più sofisticati programmi di ritocchi per fotografie.

    Credetemi mi piange tanto il cuore al solo pensiero dell’immagine del decantato monumento che ho recentemente rivisto che non si riconosce nel modo più assoluto a quella che è stata la mitica e gloriosa “Motovedetta CP 241”.

  46. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentile Edoardo,

    eravamo a conoscenza di questa bella iniziativa e comunque ti ringraziamo molto per averci informato.
    Non vorremo abusare della tua cortesia, ma se fosse possibile ci farebbe piacere avere un po’ di foto del monumento della CP 241 al mare ed ai marinai, che pubblicheremo volentieri su AMB.

    Restiamo in attesa di un tuo positivo riscontro.

    Grazie per averci scritto!

    Un caro saluto.
    Giacomo Vitale,
    AMB

  47. Edoardo
    Edoardo dice:

    La CP 241,

    grazie all’impegno del Comando della Capitaneria di Siracusa, dal 2002 è diventata un monumento al mare ed ai marinai.

    Attualmente è esposta nel porto di Siracusa visibile a tutti.

    Edoardo

  48. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentilissimo Simone,

    ti ringraziamo per il tuo entusiasmo che manifesti per le ex CP serie 230 Super Speranza ed in particolare per la CP 239 e la CP 240 e siamo particolarmente contenti che si sia risvegliato lo “Spirito del Corpo degli appartenenti alla Guardia Costiera” che sembrava essersi un po’ addormentato e la tua testimonianza, come quella di altri tuoi colleghi ed ex colleghi che ci hanno precedentemente scritto e che oggi sono in pensione per raggiunti limiti di età, dimostrano quanto dico.

    Queste meravigliose motovedette, con particolari costruttivi unici che purtroppo oggi non sono più in uso, davano tanta sicurezza a voi tutti marinai che con esse navigavate e vi sono eventi che ne hanno messo in luce la grande validità del disegno, opera di un grande progettista unico al mondo, l’ing. Renato “Sonny” Levi.

    Uno per tutti cito il salvataggio dei superstiti del naufragio della London Valour di cui puoi leggere e vedere filmati dell’epoca qui su Altomareblu… oltre agli articoli correlati e la storia di un marinaio speciale: Tito Mancini… di cui puoi leggere ai link di seguito indicati, certo di suscitare in te l’orgoglio ed il piacere di essere stato un appartenente al “Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera Italiana e grande appassionato di mare, come tutti quelli che come te scelsero da “giovanottini” questa professione per la vita.

    Un caro saluto e quando posso fare qualche cosa per te e per tutti i tuoi colleghi non esitate a chiamarmi o scrivermi, sono sempre a Vostra disposizione, con passione ed entusiasmo che mi lega al mare, alle barche speciali, ai paesaggi di caratteristici posti di mare, agli uomini di mare, marinai, addetti ai lavori dei canteri, agli oggetti di mare raccolti con passione, costruiti con amore… ed ancora, alle poesie e racconti di mare… e tanto altro ancora!

    Giacomo Vitale

    Guardia Costiera Super Speranza CP 233

    Genova 9-4-1970 London Valour; il naufragio

    Elenco articoli per London Valour

    London Valour: vento, mare, cuore e lacrime a Genova 40 anni fa

    Storia di un marinaio

    La nuova vita della motovedetta ex CP 233

    Restauro motovedetta d’epoca classe Super Speranza

    Motovedette d’epoca C.P. Guardia Costiera

  49. Simone Barbaro
    Simone Barbaro dice:

    Gentile Giacomo Vitale,

    è con estrama amarezza che apprendo dell’affondamento della CP 240, unità che confermo essere stata gemella della CP 239, anche se quest’ultima era tenuta nettamente meglio della CP 240. Sono stato imbarcato sulla CP 239 dal 1987 al 1989 a Messina, ove in quel periodo la 240 venne per dei lavori alle prese a mare. Forse al comando c’era l’ufficiale Porcino, se non ricordo male.

    Ho letto che lei ha delle foto della 239 e gradirei se le fosse possibile farmele recapitare, all’indirizzo che le trasmetto in privato.

    Nel non finere di ringraziare AltoMareBlu, per questa fantastica possibilità, porgo a tutti voi Gente di Mare un felicissimo nuovo anno.

  50. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentile Vito,

    nel ringraziarti per le notizie che ci hai fornito, qualunque altra notizia attendibile tu possa avere in merito, ti preghiamo gentilmente di comunicarcela.

    Cordiali saluti,
    Giacomo Vitale

  51. Vito
    Vito dice:

    Da conferme avute sia da colleghi presenti con me,

    sia dall’ex Comandante di un motopontone, uscito anch’egli in soccorso per ordine dell’allora Comandante della Compamare, Sig. Bellantone, il periodo è circoscritto a ottobre/novembre del 1992.

    Aggiungo che nell’affondamento, dovuto a collisione di prua, contro la murata della nave, fu perduta la nostra motopompa barellabile e che non ci furono ne vittime ne feriti.

    Evidenzio di nuovo, che la nave si trovava alla cappa, che nella zona dell’affondamento, caratterizzata da bassi fondali sabbiosi, le onde frangevano che era una bellezza e che ancora oggi, la maggior parte dei soccorsi vengono prestati proprio in quella zona.

    Saluti.

  52. vito
    vito dice:

    Salve a tutti.

    Mi sembra improbabile che sia affondata (la 240) nel 1991, poiché ho raggiunto quella sede di servizio nel luglio del 1991 appunto. L’evento, se la memoria non mi tradisce, è accaduto nei primi mesi dell’anno e quindi al massimo posso ipotizzare il 1992.

    Se lo ritenete importante, potrei nei ritagli di tempo, consultare l’archivio. Non sono a conoscenza se esistono eventuali foto… comunque io ero presente in quanto facente parte dell’equipaggio di fortuna della G.diF.che intervenne con due unità d’altura.

    Nel concludere ritengo sia doveroso rendere noto che, l’unità in questione (la 240)si trovava in zona e con condizioni meteomarine avverse, per trasbordare un membro dell’equipaggio di una nave alla cappa, presso una struttura ospedaliera. Quindi, in pieno assolvimento dei suoi compiti.

    Onore al merito!
    Ciao da Vito.

  53. Stefano Achille
    Stefano Achille dice:

    Dunque:

    la CP 240 (di cui sono stato il 2° Comandante, dal 1980 al 1984, quasi gemella della 239 di Messina (prima della serie) fu assegnata a Vibo Valentia e lì rimasta fino all’incidente.

    Ho alcune foto anche delle fasi costruttive (credo però della 239) che appena posso invierò. Cerco il tempo necessario ma è un impegno che devo a quella magnifica “barca”.

    Stefano Achille

  54. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Ci risulta che la CP 240,

    entrata in servizio attivo nel 1974 in Sicilia, è stata radiata nel 1991. Se riusciremo a saperne di più, ne daremo notizia nell’articolo di riferimento. Altrettanto se riesci ad avere notizie certe, gentilmente, ti chiediamo di comunicarcele. Grazie!

    Un caro saluto.
    Giacomo Vitale

  55. Stefano ACHILLE
    Stefano ACHILLE dice:

    Purtroppo confermo!

    la 240 è affondata, per quanto so, nei pressi di Capo Suvero (Golfo di Lametia). Non ho dettagli! La notizia l’ ho avuta in diretta dal Nucleo Aereo di Sarzana.

    Foto penso non ci siano ed altri dettagli non ne ho voluti conoscere.

    Potrei informarmi.
    Stefano ACHILLE

  56. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentile Vito,

    non ci risultava questo tragico evento e ne prendiamo atto!
    Dove hai appreso questa notizia e per caso hai delle immagini del tragico evento?
    Restiamo in attesa di una tuo gentile riscontro.

    Grazie,
    Giacomo Vitale

  57. vito
    vito dice:

    Salve a tutti,

    non sono certo che qualcuno lo abbia già scritto, ma la CP 240 in forza a Compamare Vibo, è affondata spezzandosi in due tronconi, al largo di Gizzeria, se ricordo bene nei primi mesi del 1993.

  58. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Certamente,

    le M/V della serie Super Super Speranza ex CP 230 e successive, sono state delle imbarcazioni uniche al mondo e fortunato oggi, chi ne possiede una…

    Cordiali saluti,
    Giacomo Vitale

  59. Stefano
    Stefano dice:

    Auguri di buone feste a tutti gli
    “speranzisti” che vedo sono molti

  60. Achille
    Achille dice:

    per Biagio

    certo che ricordo la 239 a Vibo, per sostituire la 240 ferma proprio in estate

    BEI TEMPI DAVVERO

    Grazie del ricordo e… buon vento
    Stefano ACHILLE

  61. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentile C.te Giuseppe,
    bello leggere dei sette anni trascorsi ai comandi della ex m/v CP 241, di cui ha n bellissimo ricordo. Meno bello leggere della fine che hanno fatto fare alla CP 241, lasciandola abbandonata a se stessa in quell’angolo in cui si trova alla mercé di chi l’ha depredata di parte del suo armamento ed oggi ricovero per drogati. Aggiungo che poteva essere alienata e far felice qualche appassionato che pian piano l’avrebbe messa a posto per farle riprendere il mare, da vecchia ma sempre combattente signora del mare…

    Purtroppo non è stato così e qualcuno, forse non amante del mare e di queste straordinarie motovedette, ha deciso di abbandonarla ad una triste e dolorosa morte… ma se lo porterà per sempre sulla sua coscienza… ammesso che ne abbia..
    Grazie per la sua graditissima testimonianza!
    Un caro saluto,

    Giacomo Vitale

  62. Giuseppe Micali
    Giuseppe Micali dice:

    Gentile MURRU,

    Sono Giuseppe e sono stato il Comandante della CP 241 dal 1992 al 1999. Durante questi sette anni ho molto navigato con la 241, che sicuramente definisco una delle migliori classi di unità navali che il Corpo abbia mai avuto. Ero di base a Siracusa, ma ho toccato svariati porti sia nazionali che esteri (Grecia, Albania, Malta, Tunisia).

    La CP 241, dopo il mio sbarco, è stata disarmata e purtroppo con mio sommo dispiacere, messa a terra in un angolo del porto di Siracusa dove, dopo essere stata razziata, è divenuta rifugio di tossicodipendenti e persone senza fissa dimora. Colgo l’occasione per salutare tutte le persone del forum e porgere un particolare ringraziamento a tutti i colleghi che con il sottoscritto hanno condiviso quei splenditi sette anni di imbarco.

    Giuseppe Micali

  63. Biagio
    Biagio dice:

    Alla ricerca di informazioni sulla mitica CP 239 ho letto tutti i post.

    Tanti bei ricordi. Volevo ricordare al Com.te Achille che per 3 mesi è stato comandante anche della 239, trasferita nell’estate 1983 da Messina a Vibo Valentia.

    Lo ricordo con grande stima.
    Biagio

  64. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentile Oliviero Murru,
    la m/v CP 241 di cui chiedi notizie è stata radiata dal servizio nel 2002 e se telefoni alla CP di Siracusa, dove era in servizio, forse sapranno dirti che fine ha fatto.

    Le vendite all’asta ai privati o le demolizioni vengono gestite direttamente dalla Capitaneria di Porto che ha posseduto l’unità e la Direzione Marittima competente per territorio deve dare il benestare.

    Solo le “cessioni gratuite” vengono gestite o perlomeno autorizzate dal Comando Generale a Roma.

    Grazie per averci scritto.
    Cordiali saluti,

    Giacomo Vitale

  65. Oliviero Murru
    Oliviero Murru dice:

    ho visto con piacere le motovedette, ma non ho visto la C.P. 241, dove sono stato imbarcato nel lontano 1979-1980,a Siracusa, avrei piacere di avere qualche notizia in merito, o se e’ stata messa in disarmo? grazie

    EM MURRU OLIVIERO classe 1958.

  66. Donato Rato
    Donato Rato dice:

    La mitica cp 243,

    quanti ricordi belli e perchè no anche meno belli. Ho ritrovato un mio commilitone su facebook e mi ha suggerito questa ricerca, bellissimo mi sembra ieri e sono passati quasi 30 anni.

    Imbarcato da giugno 1982 a febbraio 1983.
    Il ns. Comandante Di Fusco, grandissima persona.

    Grazie,
    Donato Rato

  67. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentile Antonio Licciano,
    ne ringraziarti per averci scritto, ti comunico che ho provveduto a soddisfare la tua richiesta.
    Cordiali saluti,

    Giacomo Vitale

  68. Antonio Licciano
    Antonio Licciano dice:

    Finalmente, é valsa la pena di aspettare!!

    Un mio commilitone della CP 243 ha scritto un commento (nr. 47). Caro Lorenzo, non ti puoi immaginare che piacere mi ha fatto, leggere le tue righe. Se non mi sbaglio, ci siamo congedati con un giorno di ritardo, poiché eravamo con la 243 giu in Calabria, per via di quella nave alla deriva. Mi ricordo anche, che ci siamo beccati un rimprovero da parte del comandante della Capitaneria di Salerno, poiché avevamo mostrato la nostra motovedetta a due ragazze.

    A te Giacomo Vitale una richiesta: potresti passare la mia e-mail a Lorenzo per farmi contattare?

    Sarei lieto di scambiare quattro righe con lui!
    Un saluto cordiale a tutti coloro che hanno dei ricordi sulle CP di ogni epoca.

    Antonio Licciano

  69. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentile Lorenzo,

    ti ringraziamo per averci scritto e per averci lasciato questa tua testimonianza e ti chiediamo se ricordi qualche intervento particolare avvenuto in Costiera Amalfitana e che hai vissuto a brodo della CP 243, mentre eri in servizio di leva.

    Se si, perché non ce lo racconti?

    Grazie!
    Giacomo Vitale
    Altomareblu

  70. Farese Lorenzo
    Farese Lorenzo dice:

    Anche io ero di leva sulla CP 243, dalla fine del 1976 fino al giugno 1977, con il “Capo Scialla” e l’amico Momo. Che bei ricordi e quanti interventi lungo la Costiera Amalfitana.

  71. Stefano
    Stefano dice:

    Caro Rosario,

    grazie del pensiero e di aver scritto anche i nomi di “alcuni di noi” di CP 240. Vi ho tutti nel cuore come tutti i miei bellissimi Equipaggi e le “barche” che ho avuto l’onore di comandare.

    Buon Vento,
    Stefano

  72. Rosario Marciano
    Rosario Marciano dice:

    Approfitto di questo bellisimo sito per inviare i miei più cordiali saluti al C/te Stefano Achille, ricordo con tanta nostalgia nel cuore il periodo di imbarco trascorso sulla fantastica motovedetta CP 240 dal Settembre 1981 ad Aprile 1982, insieme al C°Cattaneo ed al Direttore di Macchine C°Ragadale, Anfuso Agatino ed altri fantastici amici, quante ne abbiamo combinate.

    Rosario

  73. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentilissimo C.te Sandro,
    come sempre siamo veramente felici leggere dei consensi provenienti da tutti, ma ancor di più quando si tratta di uomini che ancora prestano servizio della Guardia Costiera. I ricordi di gioventù poi hanno sempre un sapore speciale perché si era alla scoperta del mondo con la propria onestà intellettuale caratteristica di chi svolge questa professione per vera passione. Dopo tanti anni di servizio si aggiunge all’età anche l’esperienza vissuta nelle lunghe ore e giornate trascorse in mare nel regolare servizio di perlustrazione, fino agli interventi difficili di salvataggio che si son vissuti e che, purtroppo sono ancora tantissimi, a volte drammaticissimi come il naufragio della London Valour, specialmente nel periodo estivo.

    Quello che fa veramente piacere è leggere che Comandanti e appartenenti al Corpo della C. P. Guardia Costiera, riferiscono di aver svolto questa professione molto speciale con grande passione e soddisfazione.

    Un carissimo saluto a te Sandro che sei orgogliosamente il C.te dell’ultima Keit Nelson della vecchia serie e contattaci quando vuoi, Altomareblu è sempre qui pronta ad ascoltarti insieme a i tuoi colleghi.

    Giacomo Vitale

  74. Sandro
    Sandro dice:

    Bellissimo sito,

    sicuro punto di riferimento di tutte quelle persone che amano le barche d’epoca ed in particolare delle Unità Navali CP che hanno fatto la storia del Corpo. Nei miei trascorsi ricordo con estremo piacere il mio primo imbarco sulla CP 313 nel 1980 a Cagliari, giovane motorista alle prese con la complessità dei motori isotta fraschini ma che tante soddisfazioni mi hanno dato.

    guardia costiera guardia costiera guardia costiera

    guardia costiera guardia costiera

    Nei 24 anni di imbarco la maggior parte passati nella mitica classe 200 e buona parte della carriera nella classe 2000 dove secondo la mia ormai pluriennale esperienza le Keith Nelson sono rimaste le migliori unità avute dal Corpo, sia sotto il profilo dell’estetica e abitabilità che soprattutto sotto il profilo della sicurezza nella navigazione, tanto da essere tutt’ora il comandante dell’ultima keith Nelson della vecchia serie, naturalmente con la mia estrema soddisfazione…

    Un caro saluto.

  75. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentile Stefano Achille,

    ti ringraziamo per quello che dici e siamo felici di aver portato la tua mente ai ricordi di quando sei stato imbarcato su questa unità in quel di Vibo Valentia. La nostalgia è sempre fortissima quando i ricordi sono belli!

    L’inverno poi… non ne parliamo proprio, fosse per me, lo cancellerei e sarei felicissimo di vivere sempre in estate e basta.

    Augurissimi!
    Giacomo Vitale
    Altomareblu

  76. Stefano Achille
    Stefano Achille dice:

    Complimenti per l’articolo.

    Le foto mi hanno fatto tornare alla mente la CP 240 (aimè buonanima!!!) su cui sono stato imbarcato in quel di Vibo Valentia dall’80 all’84.
    Bei tempi! Un po di nostalgia….sarà l’inverno?
    oppure …..GLI INVERNI!

    Auguri a tutti
    Stefano ACHILLE

  77. admin
    admin dice:

    Un gruppo è già esistente in internet,

    il CMS blog è una realtà e parallelamente, esistono anche una pagina per i fan di Altomareblu in FaceBook e anche un gruppo. Gli utilizzatori di quel social network, possono interagire tra di loro autonomamente anche se, la supervisione nostra non macherà mai per garantire quella qualità che ci ha contraddistinto rispetto altre realtà.

    I militari, gli amanti dell’offshore, potranno interaggire attreverso i loro profili FaceBook e logicamente, le più belle immagini, le storie più interessanti, verranno studiate e inserite in Altomareblu!

    Grazie per i complimenti, per l’attenzione e la fiducia, con quanto si andrà a fare nel prossimo immediato, riusciremo ancora a stupire i nostri lettori… ne sono certo e ne siamo fieri!

    Alex

  78. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentile Simone,

    Altomareblu ti ringrazia per quanto ci dici ed i risultati sono dovuti è vero alla mia idea di creare questo blog, ma che non poteva andare avanti senza il forte lavoro di tutti gli altri componenti che hanno dato il loro serio contributo, storico, tecnico e professionale.

    Insomma un buon risultato targato Altomareblu e siamo a disposizione per creare un gruppo di ex marinai imbarcati sulle magnifiche Super Speranza e vi metto tutti in contatto, prima interpellandovi ad uno ad uno e ricevendo il consenso degli interessati. Quindi creato il gruppo Altomareblu, sarà il vostro supporto web sul quale rimanere in contatto per quelle iniziative che possano in un certo modo fare la storia di queste motovedette uniche ed indimenticabili che ancora oggi, dopo tanti anni di distanza dalla loro costruzione, solcano ancora i nostri mari.

    Ti ringraziamo per averci scritto.

    Giacomo Vitale

  79. Simone
    Simone dice:

    E’ stupefacente come i mezzi di comunicazione possano sbalordire. Insomma sono esterefatto che dopo qualche anno dal mio primo commento vedo nel tuo blog decine e decine di persone appassionate alla Super e/o Super Super Speranza. Devo ringraziarti Vitale per la tua iniziativa, il mistero che avvolge questa realtà è che per trovare il tuo blog la gente deve digitare nei motori di ricerca CP ….. quindi questa è la riprova che chi è passato su queste imbarcazioni le ricorda con affetto e a distanza di anni cerca in internet una loro memoria, Pazzesco.

    Vorrei dire a Mimmo della Cp 239 che la moquette a bordo l’abbiamo messa noi, come l’autoradio e quando il Papa salì a bordo nella visita a Messina c’ero anche io. Comunque il Capo Mancuso, detto Capo Nicola al quale si riferisce Mimmo della CP239, lo vado ad incontrate ogni estate a casa sua T.F. perchè l’ho sempre reputato un amico, una brava persona, una persona onesta e intelligente.

    Vorrei chiedervi, se la gente che è stata imbarca sulle Super e Super Super Speranza voglia creare un gruppo, in modo da rimanere sempre in contatto e magari un giorno fare un il primo raduno di amatori e ex speranzini, scambiamoci l’indirizzo skype o e – mail.

  80. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentile Felice,
    non è semplicissimo rispondere alla tua domanda poiché la Guardia di Finanza lascia la gestione delle unità dismesse, specialmente quando sono di metraggio contenuto, direttamente ai comandi che le hanno in utilizzo.
    Una volta radiate, il comando che le ha in carico, emette un bando di vendita pubblica a cui tutti possono partecipare come privati, società ecc.. Quindi è buona cosa tenere d’occhio gli uffici marittimi della Guardia di Finanza e appena si vede una barca posta su di un piazzale e comprensibilmente in dismissione, domandare all’ufficio se per caso è in vendita, chiedendo notizie del bando pubblico… Ovviamente poi il relativo comando gestisce in autonomia tali vendite, ma sempre rispettando lo schema detto.
    Insomma occhi aperti e in bocca al lupo…
    Giacomo Vitale

  81. felice
    felice dice:

    come fare per acquistare all’asta una pilotina della Guardia di Finanza dismessa?

  82. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    gentile Luigi,
    hai ragione ad essere appassionato della ex CP 242, dico ex, perché di questa serie non ce ne sono più in servizio, essendo state tutte dismesse ed erano delle mootovedette eccezionali.
    Grazie per averci scritto

    Altomareblu

  83. luigi
    luigi dice:

    Sono un appasionato di queste stupende imbarcazioni, soprattuto della CP 242 in servizio presso la Capitaneria di Porto Torres

  84. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    E’ veramente bello ed emozionante leggere che queste “eccezionali” motovedette erano “vissute” anche dai figli dei loro Comandanti e mi fa piacere pensare che è proprio in questo modo che sono stai reclutati spontaneamente nuovi appartenenti ai vari Corpi di mare dello Stato e che oggi sono in servizio su motovedette moderne. Voglio dire che è così che nascono figli d’arte, consentitemi questa espressione.

    Un esempio nel nostro CMS Altomareblu è certamente l’appuntato di mare della Guardia di Finanza, Maurizio Santo, figlio del Maresciallo M. Santo Luigi, di cui puoi leggere in questo CMS Altomareblu un entusiasmante articolo al link indicato:

    http://www.altomareblu.com/?p=1223

    Buona lettura!
    Ti ringraziamo per averci contattato.
    Altomareblu

  85. alekos malatesta
    alekos malatesta dice:

    Che ricordi della CP 243! Mio papà era il comandante e noi piccoli, io e mio fratello, correvamo da poppa a prua quando andavamo a trovarlo! Quando giocavamo a timonarla nel porto e ad esercitarci a fare i soccorsi!

  86. Mauro Sainas
    Mauro Sainas dice:

    Sono stato imbarcato nella 313 nella Capitaneria di Cagliari.

    Ricordo un mitico salvattagio effettuato all’uscita del porto di Cagliari, quando salvammo una copia di anziani che avevano dovuto abbandonare la loro pilotina per un incendio ed ancora, l’assistenza ad una nave merci della Tirrenia a largo di Quirra. Ricordo che rimasi 3 giorni sveglio senza fermarmi un attimo. Inoltre si doveva portare sulla nave Tirrenia un alto dirigente della compagnia che prelevammo alla base militare Capo Bianco.

    Conoscevo molto bene quel punto di attraco, in quanto i miei erano originari della zona. Avrei inoltre un desiderio: rivisitare tale unita!

    Chi mi puo aiutare ad esaudire questo mio desiderio?

  87. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Caro Mimmo,

    le notizie sulla CP 239 le ha sicuramente il C.te Tito Mancini del Comando Generale della Guardia Costiera, ma devi attendere qualche giorno per la risposta, visto che attualmente é impegnato fuori dalla sua sede. Devi avere un po’ di pazienza.

    Per le notizie che vuoi avere circa i marinai che come te sono stati imbarcati sulla 239, devi aspettare che qualcuno degli interessati leggendo la tua richiesta ci scriva.

    Un caro saluto,
    Giacomo Vitale

  88. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentile Antonio Licciano,

    ti confermo che la motovedetta 243 é stata portata via mare a Genova dal nuovo armatore e che successivamente dovevano iniziare i lavori di ristrutturazione. Altro non so dirti. Proverò a ricontattare il signor Marino e se avrò novità, prontamente le pubblicheremo.

    Un caro saluto,
    Giacomo Vitale

  89. Antonio Licciano
    Antonio Licciano dice:

    Ciao Mimmo

    Ho avuto a Febbraio un corto contatto via amail con Marino Viola. Aveva intenzione di trasferire la 243 a Genova via mare per il restauro. Disse anche che, malgrado sia stata 3 anni su un molo, la struttura sia integra. Anche io aspetto con ansietà le foto del restauro. Colgo l’ occasione per chiedere di nuovo, se qualcuno ha notizie di marinai, che come me, sono stati imbarcati sulla 243 tra il 1976 ed il 1977 alla CP di Salerno.

    Un sincero e cordiale saluto an tutti

    Antonio

  90. MIMMO
    MIMMO dice:

    Salve,

    sono ancora io, l’ex direttore di macchina della m/v cp 239 di Messina, volevo solo sapere se avete informazioni della mitica 239, se è stata venduta, regalata, ho distrutta, il che mi darebbe un dispiacere immenso.

    Poi se non sbaglio, l’acquirente della 243 Marino, aveva detto che avrebbe pubblicato le foto di avanzamento lavori della barca, ma io non li vedo ancora, grazie a tutti e fatemi sapere.

    Mimmo

  91. Cristiano
    Cristiano dice:

    Buongiorno a tutti,
    riagganciandomi a quanto detto da Marzio sulle Keith Nelson vorrei se fosse possibile spezzare una lancia a favore di quest’ultime che in alcuni casi costituiscono ancora la spina dorsale di alcuni Circomare. Personalmente sono stato imbarcato sulla CP 2083 una Keith Nelson moderna e particolare dei cantieri di Baia.
    Tale motovedetta è molto conosciuta da molti comandanti di unità che sono transitati per i corsi di Comando e Comando d’altura presso la Scuola Sottufficiali MM La Maddalena.
    Ricordo con affetto anche la CP 227, vera scultura disegnata dal vento e dal mare.
    Un Saluto a tutti gli ex CP
    Cristiano

  92. Andrea
    Andrea dice:

    Sono stato imbarcato sulla CP 242 nel “lontano” 1991 e mi ha un po’ rattristato sapere del suo disarmo, (daltronde aveva fatto il suo tempo), ma devo ringraziarla per sempre per quanto mi abbia insegnato insieme a tutto l’equipaggio, ad amare ed a rispettare il mare.

    Se qualcuno avesse notizie o avesse fatto parte dell’equipaggio il quell’anno, beh si faccia sentire!

    Un saluto a tutti.
    Andrea

  93. massimo
    massimo dice:

    Sono stato imbarcato circa 6 mesi sulla 252 e prima ancora ero nell’equipaggio che ha varato la 315 di servizio a Olbia,

    di quest’ultima ho sentito varie voci ma nulla di preciso, mi potete dare qualche notizia su questa motovedetta ai tempi (1988) modernissima ma vi assicuro non funzionava mai

    Ciao a tutti

    Massimo

  94. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Caro Marzio,

    é per me un grande piacere leggere del tuo legame ininterrotto con il Corpo della C.P. Guardia Costiera e le mitiche motovedette disegnate da “Sonny” Levi. Esse hanno lascito un segno indelebile nella storia di questo straordinario Corpo dello Stato che ha un elevatissimo numero di impegni istituzionali, spesso gravosi e rischiosi.

    Colgo l’occasione per ringraziarti della notizia che mi trasmetti, circa l’evento speciale che coinvolse la motovedetta CP 239 ed il suo equipaggio.Infatti sia la motovedetta che il suo equipaggio portarono un ospite d’eccezionePapa Giovanni Paolo II in pellegrinaggio sotto la Madonnina a Messina.

    Circa la stupenda unità CP 313 Dante Novaro, pubblicherò una scheda ad essa dedicata che riporta le caratteristiche salienti, sperando di accontentarti.

    Per quanto riguarda l’apertura di un altro blog dedicato alle mitiche unità Keith Nelson, credimi é una cosa molto difficile, perchè questo blog, che curiamo con molta passione e professionalità, ci impegna tantissimo e non ci lascia tempo disponibile. Nel raccogliere la tua richiesta, cercherò di accontentarti creando in questo blog una piccola appendice dedicata alle unità storiche della C.P.- Guardia Costiera “Keith Nelson”.

    Un caro saluto

    Giacomo Vitale

  95. marzio cangemi
    marzio cangemi dice:

    Un particolare grazie a tutti.

    Trovare questo blog è stato come tornare a casa. Nonostante siano passati più di quindici anni da quando sono lontano dalle CP, credo che ci sia un legame indissolubile per tutti coloro che appartenevano o appartengono ancora al Corpo, che è impossibile spezzare.

    E’ bello vedere che c’è tanta gente che è legata alle “proprie” unità, perchè in fondo ogni marinaio considera propria la vedetta su cui è imbarcato.

    Un grazie a Giacomo Vitale per la realizzazione e al C.te Mancini per le preziose informazioni.
    Mi preme ricordare che la CP 239 di Messina ebbe alcuni anni fà l’onore di portare Papa Giovanni Paolo II° in pellegrinaggio sotto la Madonnina.

    Con orgoglio voglio inoltre ricordare un altra “nostra” unità la CP 313 Dante Novaro,ancora con la colorazione grigio marina, che ci veniva invidiata anche dai colleghi della G.di F.
    La definivano uno “spettacolo” quando era in navigazione.

    Non dimentichiamoci di altre barche che hanno fatto la storia delle Capitanerie, ovvero le mitiche Keith Nelson.

    Perchè non apriamo un blog anche su quelle?

    Aspetto notizie.

  96. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentile Luca ho inserito la risposta al tuo commento da parte dell’attuale armatore della CP 243 Marino, visto che non l’aveva inserita direttamente in calce a questo articolo, ma inviata direttamente alla nostra info.

    Grazie comunque per la presenza e rimanete pure in contatto tramite il blog.

    Giacomo

  97. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Ciao Luca sono Marino il nuovo proprietario della ex CP 243.

    Sarai felice di poter riscostruire insieme a te e a tutti quelli che sono stati imbarcati su questa motovedetta la sua storia visto che il giornale di bordo non si riesce a trovare.
    Contattami pure attraverso questo sito e continua a seguirlo per vedere le fasi di ristrutturazione della barca.
    Un caro saluto

    Marino

  98. luca
    luca dice:

    Ciao Marino,

    solo durante gli undici mesi nei quali sono stato imbarcato io posso testimoniare di quattro eventi di soccorso finiti in modo tragico, due dei quali vissuti in prima persona.

    Il recupero di una tartaruga gigante morta nel porto di Amalfi
    La rincorsa, finita nel nulla, a dei ladri di motoscafi
    La “caccia” a pecherecci sotto costa, ect.

    Ma chissà nella missione in “Albania” quante avventure.

    Io ho dormito sul letto di sinistra del quadrato tutto il tempo della ferma. Con me dormiva anche Matteo Romano.

    Ecco per provare a ricostruire gli equipaggi, io partirei da Matteo Romano e Aniello Basile, che erano di coperta. Loro (al 99%) sono ancora in Marina. Basile è di Cetara e vive a Salerno. Non so Matteo Romano che è originario di Salerno e non so chi dei due abbia passato più tempo sulla 243. Romano era lì già da un anno quando sono arrivato io.
    Poi come ho detto prima c’erano Capo Paesano (macchinista) e Capo De Santis.

    Ho avuto due comandanti: Lubrano (non ricordo il nome) e Utile Pompilio, originari del napoletano. Forse sono in pensione.
    Altri amici in ferma breve erano Leonardo (Dino) di Albanella, Marco Senatore di Salerno e Savino De Filippis di San Pancrazio Salentino e Di Palma di Nocera.

    E’ possibile che Basile sia in capitaneria a Salerno o in una delle delegazioni in Costiera.

    Per il momento ti saluto.

    ciao

    Luca

  99. luca
    luca dice:

    Giacomo,

    sulla solidità di quelle imbarcazioni posso riportare una testimonianza che mi è stata raccontata da una parte dell’equipaggio che l’ha vissuta, essendo avvenuta il dicembre (se non erro) dell’anno precedente (1988).

    So che la CP 243 è andata in soccorso, comandata da capo Maffia, dell’equipaggio di alcuni ricercatori dispersi a largo di Capri (se ricordate la triste vicenda alcuni non si sono salvati) con mare forza 8.

    Insomma aveva la capacità per domare condizioni al limite.

    Spero che Marino metta a disposizione delle foto della trasformazione e della ristrutturazione della 243. Insomma il prima e il dopo.

    un caro saluto

    Luca

  100. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Ciao Luca, è sempre bello ed emozionante leggere di tante storie e persone che hanno accomunato queste fantastiche barche militari e che in tanti non potranno mai dimenticare. Se solo penso quante amicizie sono nate dalla normale aggregazione dei militari che si sono succeduti in servizio e nelle varie missioni in Albania in cui poi è stata impiegata questa fantastica unità…

    Come ho più volte detto e ripeto, queste straordinarie motovedette sono state uniche nel loro genere ed hanno un fascino unico particolare, irripetibile. Le moderne motovedette in alluminio o in vetroresina, non le ricordano nemmeno lontanamente ed anche ai fini delle prestazioni, credo che nella globalità sono state costruite ed attualmente in servizio unità più veloci, ma quando il mare si incavola sul serio credo che nessuna possa eguagliare le grandi doti di navigazione di tutta questa serie straordinaria di motovedette in lamellare di mogano.

    Caro Luca un sincero ringraziamento per i tuoi ricordi che hai voluto rendere noti a tutti gli amici ed appasionati che frequentano questo blog e che dire, un garzie a tutti ed un caro saluto e se possiamo anche fare riincontrare vecchi amici che si sono persi di vista, bene fatecelo sapere. Se avete belle immagini scattate in operazioni particolari inviatecele, saremo felicissimi di pubblicarle.

    Inoltre faccio un appello a tutti i Comandanti di queste unità: scriveteci segnalando il periodo che siete stati al comando di queste unità con il grado che avevate in servizio, ricostruiremo così un registro storico dei C.ti delle motovedette di cui all’articolo di riferimento.

    Ovviamente anche per i signori Comandanti se hanno storie di mare da raccnatre anche con immagini, ce le inviino e saremo ben lieti di bubblicare.

    Un caro saluto a te Luca e tutti gli appassionati marinai, graduati ed ex Comandati che si sono avvicendati nell’espletamento del servizio su queste prestigiose ed uniche motovedette d’epoca disegnate dal grande ingegnere Renato “Sonny” Levi.

    Giacomo Vitale

  101. luca
    luca dice:

    Buongiorno a tutti,

    mi chiamo Luca e sono di Salerno. Ho scoperto quasi per caso che la CP243 è stata acquistata da un privato. Vuol dire che continuerà a custodire i ricordi di tutti quelli che come me hanno vissuto (nel vero senso della parola, perchè ci dormivo) in quella casa galleggiante un periodo più o meno lungo della propria vita (dic 1989 – nov 1990).

    Potrei scrivere un libro sull’esperienza nella 243 (e magari potrebbero, come me, farlo in tanti), a partire dal primo giorno che mi hanno imbarcato, concluso dopo un pattugliamento di 12 ore con seri problemi di stomaco (per non dire altro) già dopo Capo d’Orso.

    Ecco così ho ricordato subito il comandante Utile Pompilio!

    Naturalmente le esperienze che si sono susseguite sono state sia divertenti, come la festa di agosto del santo protettore di Sapri e soccorsi surreali, sia tristi: di questo meglio non raccontare.

    Siamo passati per la pulitura e la verniciatura della carena nei cantieri dietro il porto di Salerno e per la verifica dei motori ai cantieri di Baia (Pozzuoli), dove ho mangiato pizza per un mese!! Sì, ho visto tirare su e rimontare i due Isotta Fraschini. Non vi dico pulire e assorbire le basi dall’olio (e altro) accumulato negli anni. Una melma…

    Un’altra cosa incredibile è stata quella di entrare interamnete (letteralmente con tutto il corpo) nei serbatoi della nafta per pulire le sentine da ri-verniciare con un prodotto tossico (non ricordo il nome) che a qualcuno del cantiere di Salerno aveva dato anche un po’ alla testa.

    Vi ho detto, potrei continuare all’infinito.

    Approfitto di questo spazio ulteriore solo per salutare vecchi amici come Aniello Basile e Matteo Romano (di carriera) Marco Senatore, Dino di Albanella, Di Palma di Nocera, Savino De Filippis di San Pancrazio. E poi Capo Paesano, Capo De Santis, i comandanti Utile, Lubrano e Schiano Lomoriello.
    Molti sono in giro per l’Italia e spero che stiano tutti bene.

    un saluto a tutti

    Luca

  102. Mimmo
    Mimmo dice:

    Salve sono sempre Mimmo,

    l’ex direttore di macchina della mitica 239 di Messina, volevo chiedere a Marino, visto che si è aggiudicato la vendita della 243, credo di Salerno, come ha proceduto e quanto gli è venuta a costare, sempre se si puo’ dire.

    Comunque riguardo il mio intervento precedente, ho commesso un errore, la missione in Albania era nel 1997 e non nel 2007, sarebbe stato un controsenso visto e credo che la 239 l’hanno radiata prima delle altre Super Speranza. Comunque rimane il fatto che queste barche sono per uomini di mare e come dice Bruno che abbiano rispetto per loro.

    Ho visto imbarcare su queste barche come comandante, gente che il mare gli piace vederlo solo dalla spiaggia e nel periodo che ho vissuto, nel vero senso della parola, sulla 239 avevo come Comandante un vero lupo di mare che è stato imbarcato sulla mitica per circa 10-11 anni, prima come addetto di coperta e poi il periodo più lungo come comandante.

    Ricordo che noi lo prendavamo in giro, dicendo che la 239 gli usciva anche sullo stato di famiglia, poichè quella barca l’ amava veramente e non so ancora come fa a resistere vedendola ancora oggi abbandonata in quel molo a Messina ad essere mangiata dal mare, quando lei il mare se lo mangiava a colazione.

    Scusate forse sono esagerato ma è la realta e mi fa rabbia che una barca simile si lasci così in balia delle onde quando ci sono in giro delle barche che fanno brillare gli occhi solo in porto e poi fanno cacare sotto appena vedono un po’ di mare.

    Saluti da Mimmo.

    P.S.: Vorrei salutare:

    il comandante Mancuso
    il capo Bastiano Greco
    il mio sottordine Mario Aiello
    il capo Buttiglione – elettricista delle lampadine -“scherzo”.

  103. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Caro Bruno,

    quando decisi di aprire questo blog ero letteralmente incazzato, scusa la parolaccia ma ci vuole per rendere bene l’idea, per la superficialità con cui riviste specializzate note, associazioni di barche d’epoca e ammenniccoli vari ai quali mi ero rivolto per avere notizie della Speranzella e del suo ingegnere che ebbe la felice idea di progettarla, mi “allontanarono” con risposte vaghe ed incomplete, mentre altri mi ignorarono addirittura come se fossi un appestato, si insomma un rompiscatole.

    Infatti queste testate ed associazioni del settore nautica moderna e d’epoca vedevano evidentemente in me uno che era fuori dalle manie dello Yachting milionario o dell’hobby per alcuni motoscafi famosi attorno ai quali ruotano cantieri per nababbi e persone che forse per averne troppi di quattrini e non capendone il valore, contrbuiscono “stupidamente” a portare alle stelle il valore di alcuni modelli di barche senza rendersi conto di essere preda di speculatori e spesso di ignobili falsi che nulla hanno a che fare con la passione per il mare e per le vere imbarcazioni.

    Sonny Levi progettò tante barche che ebbero notevole successo agonistico che negli anni 60′ e 70′ scrivendo pagine di storia della vera nautica offshore e da diporto creando una ricchezza diffusa alla nostra nazione e contribuendo alla nascita di tanti cantieri e piccole imprese di supporto al settore che davano lavoro a tanti artigiani.

    Quello che voglio evidenziare è che quelle barche progettate da Sonny Levi dopo circa trenta e in alcuni casi oltre quarant’anni dalla loro costruzione ancora oggi navigano in modo eccezionale, affrontando il mare formato con grande disinvoltura e sicurezza.

    Bene questo è quello che spesso mi trovo a dire in tanti commenti ed articoli con i quali, documenti alla mano, si dimostrano fatti inconfutabili e poi le testimonianze di uomini di mare eccezionali come il C.te Tito Mancini ed altri marinai o finazieri che hanno lavorato su queste speciali unità alle quali hanno affidato le loro vite, svolgendo i loro difficilissimi compiti istituzionali animati tutti da amore e grande passione per le barche “vere” che, odorando di mare, li hanno portati sempre a casa.

    Certamente la risposta che tutti questi “umili” uomini di mare ci danno attraverso le loro storie, i loro racconti sono la realtà, la passione vera che mi fanno riflettere molto. Io vivo di questi sentimenti e di questi valori che sono una forte e notevole parte del mio carattere e della mia cultura “marinaresca”.

    Io non credo alla gente falsa e “signorilmente ipocrita”, ma al vero marinaio che senza mezzi termini mi dice una parolaccia per farmi capire magari che sono in errore. Insomma caro Bruno penso tu abbia capito che io sono per i rapporti umani veri, duri da sopportare a volte perchè reali, ma amo la cruda realtà e non la falsa ipocrisia. Insomma credo di essere un semplicissimo ed umilissimo marinaio che con questo blog permettere di conoscere a chi come me è appassionato di barche serie e di uomini veri di mare, storie e racconti di mare che meritano essere raccontati per non dimenticare e che forse possono insegnarci qualche cosa e migliorare i rapporti con noi stessi e con gli altri.

    Un sincero grazie a chi ci segue e che condivide questi nostri principi.

    Giacomo

  104. Marino
    Marino dice:

    Autore: marino

    [email protected]

    Ciao Mimmo,

    grazie alle informazioni ricevute dal Com.te Mancini posso dirti che la M/V 239 è ancora a Messina in stato di disarmo in attesa di essere venduta.

    Io sono riuscito a aggiudicarmi la gara di vendita della M/V 243 sua gemella che presto ristrutturerò.

    Continua a seguire questo blog e potrai vedere le foto durante le fasi del lavoro.

    Un cordiale saluto,

    Marino

  105. Bruno I.
    Bruno I. dice:

    Confesso di provare una certa emozione nel leggere i commenti di tanti uomuni che in silenzio, lontano dal clamore dei media e dai frastuoni volgari, hanno svolto, continuano a svolgere il loro dovere di uomini di mare, come è sempre stato e sempre sarà.

    E mi emoziona ascoltare il rapporto di reciproco rispetto tra i mebri dell’equipaggio e la barca, in una dimensione irripetibile che coniuga l’uomo alla macchina. Ho ascoltato in passato racconti di sommergibilisti, di pescatori, di marinai imbarcati per mesi, e trovo la stessa schiettezza, gli stessi valori, indipendentemente dal grado e dal ruolo.

    Penso alla guardia costiera. Quanta pazienza devono avere questi ragazzi quando hanno a che fare con gli improbabili naviganti del mese di agosto che esibiscono altrettanto improbabili scafi arredati con la consueta “sobria eleganza” e con la Jacuzzi sul ponte! O con quei disgraziati automobilisti del mare che danno manetta appena lasciato l’ormeggio e devono andare in planata dopo tre secondi perché questo è quello che promette il depliant dell’imbarcazione.

    Caro Giacomo, grazie per questa straordinaria possibilità che ci hai dato di parlare di mare e di barche senza “puzza sotto al naso”.

    Ho scoperto che il motore odora di mare, di sole di vento e che a volte ha un ingrediente in più: l’autenticità.

    Bruno

  106. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentile direttore di macchina Mimmo,

    è un piacere averti qui con noi e sentire di quanto ci racconti del periodo della tua vita che hai trascorso in servizio sulla 239. Il nostro è un blog dedicato alle speciali barche progettate dal mitico ingegnere Levi comprese le motovedette ovviamente e non solo.

    E’ nostro immenso piacere che gli uomini che le hanno comandate e gestite ci dicano di episodi particolari accaduti che mettano in evidenza la loro bravura di operatori della Guardia Costiera e le notevoli doti di navigazione delle speciali ed uniche motovedette che, purtroppo, per limiti di età sono andate in pensione e
    che oggi non si costruiscono più.

    Ho potuto notare dalle varie testimonianze di uomini imbarcati su queste unità della Guardia Costiera, progettate dall’ing. Levi e costruite da vari cantieri che, tutti voi ne parlate con rispetto ed ammirazione e ho anche capito che le sostitute moderne, sono un po’ come le donne di oggi, diciamo… “al silicone” bellissime vamp agli occhi degli “uomini superficiali”,
    ma se le toccate… il pensiero della plastica… ammoscia tutta l’eccitazione iniziale… molto fumo e niente sostanza…

    Be che dirti, a parte il mio modo giocoso di risponderti, tornando nella seria realtà, le attuali barche civili, comprese le motovedette dei vari corpi militari dello stato, sono inequivocabilmente più veloci, ma le loro carene non mi piacciono assolutamente, poichè sono dure sull’onda e fanno soffrire chi vi naviga e cosa purtroppo poco simpatica, quando il mare si incazza sul serio oltre forza 6, devono filarsela in porto alla svelta, perchè le moderne tecnologie, ai voglia che i nuovi ingegneri ed i vari cantieri che le producano, raccontino tante storie…non reggono.

    Ebbene, un nostro amico… Bruno, nel commentare con ammirazione un ns articolo dedicato alla Gloriosa CP 233, definendola meravigliosa, ha detto che ai “veri uomini di mare” piacciono queste barche straordinarie del “Grande Levi”, cioè dalle grandi doti marinare ed ineguagliabili in navigazione…chi non le capisce? Che si compri un Ferretti…

    Ebbene certamente non esiste paragone, il lamellare di mogano in vari starti incollati tra loro ed incrociati a 45°, non è stato battuto dalle nuove “tecnologie di plastica”, che sovente, evidenziano sotto forte stress, cedimenti strutturali. Saranno anche i progettisti attuali che…sbagliano, probabile, ma io credo che il lamellare di mogano abbinato alle resine epossidiche potrebbe essere oggi certamente una validissima evoluzione rispetto al vecchio principio che incollava il lamellare con la colla resorcinica.

    Vi sono delle componenti chimico strutturali che danno dei risultati speciali a tutto vantaggio della robustezza, del peso specifico del legno, maggiore galleggiabilità, bilanciamento e distribuzione dei pesi, con carene convesse a V profondo e diedro più o meno costante da prua a poppa, diminuzione della superficie bagnata dell’opera viva secondo i validissimi criteri scelti dall’ing. Levi.

    Concludendo: la CP 239 non è più in servizio ed è in attesa di essere venduta.

    Per i nomi dei tuoi amici cretamente li puoi citare, devi solo accertarti preventivamente se loro non lo vogliano.

    Un caro saluto speciale a te Mimmo che ci hai onorato della tua attenzione ed a tutti gli operatori delle CC.PP. Guardia Costiera, in particlare a quelli che hanno conosciuto da vicino le motovedette progettate dall’ing Levi.

    Scriveteci quando volete.

    Giacomo Vitale

  107. Mimmo
    Mimmo dice:

    Salve a tutti,

    vedo con piacere che c’è gente interessata ancora a queste M/V storiche e mitiche. Io sono stato uno dei direttori di macchina della mitica CP 239 di Messina, sono imbarcato a Messina come sottordine di macchina fino a diventare il direttore di macchina.

    Abbiamo svolto una missione in albania nel 2007, dove “purtroppo” spesso ci capitava di effettuare inseguimenti ai gommoni di profughi carichi di donne e bambini e ricordo che una volta stavamo inseguendo un gommone a circa 29-30 nodi, quando improvvisamente questo si buttò sotto la nostra prua (di notte) fu solo la prontezza del mio comandante (in Albania imbarcato come nostromo) ad evitare la tragedia abbassando immediatamente le manette dei motori, tanto bruscamente che si spensero entrambi ed a bordo calò il panico. Naturalmente il gommone proseguì la sua navigazione per l’Italia.

    Era la prima uscita di pattigliamento della 239 in acque Albanesi, ma a questo inseguimento ne seguirono altri.

    Volevo solo ringraziare il mio ex Comandante della 239 per tutti gli insegnamenti che mi ha dato. Sapevo che la 239 era ormeggiata in porto a Messina ad essere mangiata dai denti di cane. Sapete per caso se l’hanno venduta, se naviga ancora, insomma se è ancora viva?
    Be mi dispiacerebbe sapere che è morta. Sapete, ho un bel ricordo di un pezzo della mia vita con lei. Non so se posso fare i nomi di alcuni amici del periodo.

    Comunque saluto il comandante Nicola M…

  108. Giacomo
    Giacomo dice:

    Ciao Marino, come promesso di seguito trovi la risposta del C.Te Tito Mancini circa le motovedette da te citate.

    Buona lettura e per qualsiesi domanda contattaci sempre.

    Motovedette CP 248 e CP 252

    Queste motovedette fanno parte di un gruppo di Unità  costruite dalla Cooperativa Costruzioni Navali di Ostia (Roma) CANADOS – negli primi anni ottanta, e precisamente le Motovedette:

    CP 247, CP 248, CP 249, CP 250, CP 251, CP 252 e CP 253.

    Queste erano le caratteristiche comuni tra la CP 248 e la CP 252:

    Scafo in mogano lamellare Douglas Fire.
    Lunghezza massima: mt.15.
    Larghezza massima: mt.4,850.
    Pescaggio mt.1,60.
    Motorizzazione: n° 2 motori Isotta Fraschini tipo ID36 SS 6V.
    Ciascun motore della potenza di 690 HP a 1885.
    Propulsione: n° 2 eliche in OTMAN.

    Motovedetta CP 248
    Costruita nell’ottobre 1980.
    Entrata in servizio a Dicembre 1980.
    Destinazioni di servizio: Genova, poi Savona quindi ancora Genova.
    Radiata nel Febbraio 2006.

    Motovedetta CP 249
    Destinazione servizio: Albania
    Attualmente in servizio.

    Motovedetta CP 252
    Costruita nel settembre 1981.
    Entrata in servizio nell’ottobre 1981.
    Destinazioni di servizio: Genova poi Imperia.
    Radiata nel Marzo 2006.

    Una volta radiate queste unità  vengono vendute all’asta
    oppure cedute gratuitamente ad associazioni che rientrano nei parametri stabiliti dalla legge.
    Per sapere dove effettivamente sono queste unità  basta andare nelle loro ultime destinazioni di servizio e li domandare.

    C.te Tito Mancini

    A questa risposta seguirà un articolo con le immagini riferite alle motovedette citate dall’amico Marino che apparirà  nello spazio riservato alle motovedette della C.P. Guardia Costiera tra qualce giorno. Continua a seguirci e se hai domande da fare, scrivici. Grazie. Ciao.

    Giacomo Vitale

  109. Giacomo
    Giacomo dice:

    Ciao Marino,

    ti ringrazio per averci scritto e sono contento di sentire quello che tu mi dici circa le motovedette CP 248 e CP 252 della Guardia Costiera ed è significativa questa tua testimonianza che si aggiunge alle altre già  pervenute. Così come ho fatto per gli altri, chiedo anche a te, se hai qualche episodio da raccontare e che hai vissuto su queste motovedette eccezionali, raccontacelo e lo pubblicheremo. Ovviamente lo stesso vale anche per eventuali immagini.

    Ho girato la tua domanda al C.te Tito Mancini appartenente al Comando Generale delle C.P. Guardia Costiera ed appena pervenuta la risposta potrai leggerla qui di seguito on line e ti avviseremo con una mail al tuo indirizzo di posta elettronica.

    Un caro saluto e seguici sempre,

    Giacomo Vitale

  110. Marino
    Marino dice:

    Sono felice di scoprire che queste imbarcazioni siano considerate per quello che sono realmente cioè delle barche meravigliose.

    Sono stato imbarcato sulla CP 248 e sulla CP 252 che fine hanno fatto è possibile saperlo?

    Grazie

  111. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Caro Antonio,

    sono Giacomo il direttore del blog e ti ringrazio per averci scritto e ti assicuro sono una persona veramente affascinata dalle grandi doti di navigazione di queste barche progettate dal geniale ingegnere Renato “Sonny” Levi.

    Purtroppo oggi questi autentici capolavori non li costruisce più nessuno ed a giusta ragione le definisco “Opere d’Arte”. Sono barche dalle caratteristiche marine notevoli e senza inutili fronzoli. Barche vere per veri marinai…

    Per quanto riguarda la tua richiesta credo che con le leggi attuali sulla privacy sia difficile avere liste di persone che sono state imbarcate sull’unità a cui ti riferisci. Ci vorrebbe prima il loro consenso e chi sa dove saranno adesso queste persone. Provo a domandare a chi di dovere e ti terrò informato.

    Un caro e cordiale saluto.

    Giacomo

  112. admin
    admin dice:

    Antonio,

    grazie per il commento, siamo felici di dare emozioni, queste barche sono fantastiche!

    Deve attendere Antonio, i responsabili e le persone che possono rispondere alla sua richiesta, sono fuori per qualche giorno ma sono già  stati da me avvisati.

    Le risponderanno o la contatteranno via e-mail, io sono solo l’amministratore del blog, appassionato come lei ma non così dentro le notizie e le informazioni.

    Alex

  113. Antonio
    Antonio dice:

    Salve
    Sono stato imbarcato sulla MV CP 243 di Salerno dal ottobre 1976 fino al congedo alla fine di giugno 1977. Come ha detto Simone, era una meraviglia del mare. E’ stato il tempo in Marina, di cui mi ricordo piu volentieri. Mi sono imbarcato a La Spezia, dopo una revisione dell CP 243. Due giorni dopo dislocamento a Salerno. Abbiamo eseguito diversi salvataggi, non sempre belli, ma utili. Purtropp ho solo una foto (su carta) in bianco e nero, ma nessuna possibilita di metterla in rete. Sarebbe bello, se si potesse trovare una lista degli imbarcati di allora per scambiare notizie.
    Mi ha fatto in ogni caso piacere di sapere che ci sono in giro degli “affezionati” di queste imbarcazioni.
    Salutoni dalla Svizzera.
    Antonio

  114. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Ciao Simone,

    grazie per avermi dato questa bella notizia e se vuoi parlami di questo periodo della tua vita in cui sei stato imbarcato su una delle tante splendide motovedette progettate da “Sonny” Levi e costruite dalla Navaltecnica di Ancio o dal Cantiere Leopoldo Rodriquez di Messina, come nel tuo caso specifico.

    Se vuoi raccontarmi qualche episodio particolare in cui le grandi doti di navigazione di questa speciale motovedetta hanno permesso un’impresa speciale, scrivimi e se hai anche immagini inviale. Insomma se vuoi puoi contribuire con un tuo contributo diretto a raccontarci uno scorcio di vita della CP 239.

    Sarà  un piacere per tutti i ns. lettori e per il sottoscritto e anche una bellissima testimonianza a favore di imbarcazioni veramente eccezionali che purtroppo oggi non si costruiscono più.

    Un caro saluto e grazie per avermi scritto.

    Giacomo

  115. Simone
    Simone dice:

    Io sono stato imbarcato dal 1987 al 1989 sulla CP 239 meraviglia dei mari……..

Trackbacks & Pingbacks

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *