Nasce il Registro storico carene di Renato “Sonny” Levi

Renato “Sonny” Levi ha progettato più di un migliaio di imbarcazioni che sono state poi costruite, spesso in più esemplari, in moltissimi paesi del mondo: dall’India all’Italia, dalla Gran Bretagna agli Stati Uniti, alla Nuova Zelanda, all’Australia, al Giappone, al Sud Africa, alla Norvegia, alla Thailandia, alla Svezia eccetera.

Si tratta di scafi da diporto e da competizione, da pattugliamento veloce e da trasporto, da record e da pesca; realizzati in legno, in lamellare, in compensato, in vtr, in ferro, in alluminio, in gomma e persino in acciaio inox; prototipi, “one off” e barche di serie; a motore (la maggioranza) e a vela, motorsailer plananti e pilotine, “fast commuter” e progetti “impossibili” (come il recente Ram Wing da 100 metri di lunghezza per una velocità di 100 nodi -182 km/h).

Registro storico carene di Renato “Sonny” Levi

Clienti di Levi sono stati, oltre ovviamente a moltissimi cantieri, personaggi come l’avvocato Gianni Agnelli (tre barche), i fratelli Gardner (due barche), l’editore inglese sir Max Aitken, il conte Mario Augusta, il sudafricano J.W. Michell, l’americano Merrick Lewis, l’australiano Antony De Fina, l’Aga Khan, il principe Alberto di Liegi, lady Violet Aitken, Roberto Olivetti, Alex Moulton, Richard Branson, Bennet S. Le Bow, titolare fra le molte sue attività anche del Gruppo Chesterfield & c. Senza dimenticare: Manlio Pietrafaccia, Vincenzo Balestrieri, Liborio Guidotti, Achille Roncoroni, Leto di Priolo, Giorgio Tognelli (tre barche), Don Shead, Don Aronow eccetera.

Molti anche i progetti di Levi utilizzati dai corpi militari o paramilitari (Guardia di Finanza, Capitanerie di Porto, Polizia di Stato) per pattugliamento in altura, sia in Italia (“Speranza”, “Super Speranza”, “Drago”, “Mini Drago”) che all’estero.

Nel 1958, Levi ha realizzato, in India per la FAO, le sue prime carene a V profonda con pattini longitudinali. Le ha poi collaudate in campo agonistico nel 1961, alla prima edizione della gara offshore inglese Cowes-Torquay con uno scafo chiamato “ ‘A Speranziella”. Nascono così quelle “opere vive” che hanno radicalmente cambiato i criteri della navigazione veloce a motore, e che appena tre anni dopo, con il progetto di “Surfury”, avrebbero conosciuto la straordinaria evoluzione della linea “Delta”.

Levi ha disegnato scafi monocarena, catamarani e anche trimarani con una inedita geometria a Y (detta a “triciclo rovesciato”) così come, nel 1971, ha sperimentato, collaudato e brevettato un sistema di trasmissione basato su “eliche di superficie” che consente una maggior efficienza (più velocità o, a scelta, minor consumo) del 20 per cento rispetto a quanto sino allora esistente.

Naturalmente una così vasta e importante produzione progettistica ha inesorabilmente provocato imitazioni, copie non autorizzate e, talvolta, discutibili “interpretazioni” storiche.

Nasce ora, fortemente voluto da Giacomo Vitale e realizzato da un gruppo di appassionati, il “Registro storico delle carene di Renato “Sonny” Levi”: ha come unico scopo quello di garantire moralmente l’effettiva originalità di quelle barche che sono state costruite dai disegni del progettista.

Negli ultimi anni la ricerca di “barche storiche” ha portato ad una considerevole rivalutazione economica degli scafi costruiti venti, trenta, quaranta anni or sono. E, come sempre accade in questi casi, si sono rapidamente rilevati, in congruo numero, episodi di “millantato credito”: barche sedicenti progettate da Levi ma che, nella effettiva realtà storica, tali non sono affatto.

E’ noto che un quadro d’autore autentico e originale può talvolta valere miliardi, che una sua “copia conforme” si può acquistare per qualche migliaio di euro e che un “poster tipografico” vale appena qualche decina di euro. La stessa scala di valori (sia pure con parametri economici diversi) vale anche per le imbarcazioni.

In un natante, quale che sia il suo impiego, la parte che ha importanza è, in assoluto, la carena: in gergo tecnico, si chiama, infatti, “opera viva” . Ecco perché il “Registro” si propone con determinazione una rigorosa missione di identificazione e valorizzazione delle carene Levi originali.

Il “Registro”, che raccoglie già molte imbarcazioni, ha iscrizione assolutamente gratuita.

Chi possiede uno scafo “originale” di Renato “Sonny” Levi può chiederne l’inserimento nel Registro compilando nelle sue voci il modulo di richiesta iscrizione inviando una fotografia recente dell’imbarcazione.

Valorizzerà così, innanzitutto, quanto ha la fortuna di possedere e contribuirà, inoltre, a “distinguere il grano dal loglio”.

Registro storico carene di Renato “Sonny” Levi

Lettera di Renato Sonny Levi al Registro Storico Carene Levi

In alto la lettera dell’ing. Renato “Sonny” Levi antecedente la nascita del “Registro Storico Carene Levi”, augurando successo e plaudendo allo scopo storico dell’iniziativa, volta ad indicare con chiarezza quali sono le “Vere Carene Levi” svolgendo un’ azione informativa per gli appassionati di queste stupende creazioni e finalizzata alla salvaguardia di un patrimonio ingegneristico, che tanto ha contribuito alla motonautica degli anni 60′ e 70′ ed attuali, con soluzioni tecniche straordinarie ed innovative.

Un grande ringraziamento all’ing. Renato “Sonny” Levi per questa sua testimonianza e per il graditissimo augurio, nella speranza di lasciare per sempre una traccia indelebile sul web, ricordando eventi storici indimenticabili della motonautica, che lo hanno visto protagonista di pregio per sua infinita opera di grande ingegno, disegnando capolavori che allietano ancora oggi dalla loro datata nascita, la navigazione di armatori che hanno saputo sceglierle, regalando loro delle stupende ed indimenticabili crociere lungo le più belle coste del mondo.

Altomareblu – Tutti i diritti riservati. Note Legali

Articoli Correlati

Lascia un commento:

12 commenti
  1. Bruno
    Bruno dice:

    non riesco a trovare l’indirizzo mail per inoltrare la richiesta di iscrizione della mia imbarcazione… potrei ricevere l’indirizzo?…. grazie

  2. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Thanks for your recording and we are to your disposition always!

    the responsible of “Registro Storico delle Carene Levi”
    Giacomo Vitale

  3. annospind
    annospind dice:

    Hello

    As newly registered user i only wanted to say hello to everyone else who uses this bbs 8-)

  4. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Grazie Presidente,

    il processo di sviluppo della Sua Associazione è assolutamente basato sulla stessa filosofia che ci ha stimolato a creare il “Registro storico delle carene di Renato “Sonny” Levi”.

    Asdec promuove la conservazione delle testimonianze della nautica tradizionale da oltre venti anni e ha operato con serietà e determinazione in merito. La nostra iniziativa è molto più giovane ma non per questo meno impegnata. E’ meno impegnativa.

    Siamo certi che questi ideali comuni ci porteranno a collaborare per un sempre maggior sviluppo delle nostre “buone” finalità, indispensabile in un momento così confuso come quello che stiamo tutti vivendo e teso, il più possibile, ad evitare quelli che Lei giustamente ha definito “delitti”.

    La ringrazio per le notizie inerenti i tre progetti di Levi “L 20”, “L 21” e “L 22” e provvediamo ad inserire nel nostro Registro le coordinate dell’esemplare esposto al Museo della Barca Lariana di Pianello del Lario mentre rimaniamo in attesa di notizie più specifiche a proposito di “L 22”.

    Segnalazioni come la Sua, sommate a quelle dei nostri molti lettori, ci hanno permesso di superare già quota “cento” nell’elenco della carene storiche di Levi in appena tre mesi e mezzo di vita. La strada, lo sappiamo, è ancora molto lunga ma ci auguriamo di avere le forze per percorrerla a lungo e con il successo che merita.

    Spero di poterLa incontrare e conoscere di persona quanto prima per coordinare con maggior precisione quel comune percorso che abbiamo scelto per passione ed entusiasmo.
    Con i migliori saluti.

    Giacomo Vitale

  5. GianAlberto Zanoletti
    GianAlberto Zanoletti dice:

    Egregio Signor Vitale,

    ho visto la Sua e-mail che mi informa riguardo alla nascita del “Registro storico carene Levi”.

    La ringrazio delle gentili parole e mi complimento con Lei, con Soccol e con gli altri promotori per questa iniziativa che è assolutamente in sintonia con gli scopi statutari dell’Asdec: la conservazione delle testimonianze della nautica tradizionale.

    Colgo l’occasione per comunicarLe che nel Museo della Barca Lariana di Pianello del Lario abbiamo esposto uno dei tre motoscafi commissionati al cantiere Giacomo Colombo di Menaggio nella speranza di una vittoria alla 100 miglia del Lario.

    In conseguenza a ciò lo stesso cantiere Colombo si era rivolto a “Sonny” Levi per la progettazione ed il disegno. Di questi motoscafi ne fa cenno lo stesso Levi nel suo libro “Milestones in my designs”, edito nel 1992, alle pagine 68, 69, 70 e 71.

    Di questi tre motoscafi l’ “L 20”, quello del record, è stato gettato in una discarica dopo avergli tolto il motore. (Purtroppo abbiamo saputo di questo delitto a cosa già fatta.)

    L’ “L 21” è quello esposto al museo citato.
    L’ “L 22” è stato recentemente acquistato da un socio e consigliere dell’Asdec, che ho già preavvisato e che possiede anche altre due imbarcazioni di “Sonny” Levi.

    Mi complimento di nuovo con Lei nonché con l’amico Antonio Soccol della brillante Vostra iniziativa e colgo l’occasione per inviare ad ambedue i miei migliori saluti.

    GianAlberto Zanoletti
    Presidente Asdec (Associazione Scafi d’Epoca e Classici)

  6. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Ciao Andrea,

    ti ringrazio molto per i tuoi scaramantici auguri ed apprezzo molto il grande complimento che porgi a noi tutti circa i contenuti e devo dire che é tutto frutto di una grandissima passione per le barche Levi e non solo, ma anche per il mare.

    Un caro saluto a te ed a tutti gli amici del “Cantiere navale SIBMA”.

    Giacomo Vitale

  7. andrea
    andrea dice:

    Complimenti vivissimi e mille ….. (non si fanno per scaramanzia!)!

    Per un’altra iniziativa che si profila ricca di contenuti in un mondo che vive d’aria gonfiata.

    Un affettuoso saluto a tutti da un vostro fan

    ciao
    Andrea

  8. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Ciao Emix15,

    scusa se ti rispondo con qualche giorno di ritardo e dopo aver visionato le foto ch ci hai inviato, ecco la bella notizia:

    La tua barca é una carena autentica Levi!

    Un 16 piedi prodotto in due versioni, Sea e Sun Rover. Si tratta di uno studio evolutivo di carena Silver Wing, eliminando gli sponson laterali senza perdere i vantaggi del progetto tre punti e nel caso specifico, lavorano egregiamente le sezioni piatte laterali che arrivano a poppa come prolungamento della linea di spigolo estremamente pronunciata.

    Congratulazioni per essere anche tu possessore di una carena Levi autentica!
    L’ing. Levi ha sempre sostenuto che queste barche di dimensioni ridotte sono le più difficili da progettare.

    Ti propongo di iscrivere la tua barca nel “Registro Storico” Carene Levi. Pertanto inviami in copia alla nostra info, l’estratto RID riferito al tuo natante e l’apposito modulo che trovi alla fine dell’articolo di apertura del blog che annuncia la nascita del Registro Levi, compilato in tutte le sue voci.

    Le foto le abbiamo e quindi appena ricevuta la documentazione richiesta, iscriviamo la tua barca nel Registro Storico delle autentiche Carene di Renato Sonny “Levi”.
    A presto.

    Un cordiale saluto.

    Giacomo Vitale

    sun-rover1

    sun-rover5 sun-rover8

    sun-rover4 sun-rover3

     sun-rover2 sun-rover9

  9. admin
    admin dice:

    @Emix,

    grazie per averci contattato, come ADMIN sono solo l’amministratore del sistema e non ho di certo la conoscenza degli esperti Giacomo Vitale, Antonio Soccol e Tito Mancini per fornirle la risposta che lei desidera.

    La sua richiesta è stata comunque inoltrata agli esperti del Registro Storico delle carene Levi e presto le daranno una risposta; per la mail dove inviare le foto della sua imbarcazione può utilizzare [email protected]

    Ringraziando nuovamente per la sua cortese richiesta,

    Alex (admin)

  10. emix15
    emix15 dice:

    Salve, gentile sig.admin,

    vorrei chiederle se conosce un progetto di Sonny Levi chiamato “Sun Rover” (penso sia il cantiere), perchè su internet non ho trovato nulla a riguardo, e sulla targhetta di omologazione non si legge quasi nulla purtroppo.

    Possiedo questa barca da diversi anni, si tratta di un natante di 5m ft. motorizzato con un fuoribordo,

    se mi lascia la sua email le allego qualche foto, ringraziandola per la sua disponibilità.

Trackbacks & Pingbacks

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *