Cantieri nautici italiani

Cantieri nautici italiani, una tradizione che ha fatto parlare del settore in tutto il mondo. Importanti sono stati i traguardi raggiunti nel passato per le doti marinaresche e di tenuta in mare, ma anche da un lato prettamente classico di costruzione navigando su laghi e per fiumi.

Le barche veloci dagli anni 60 ad oggi.

Le attuali barche classiche e d’epoca della cantieristica italiana.

Baia Paradiso spedizione Antartide

Cantieri navali Palomba Torre del Greco: M/v San Giuseppe Due – una barca in Antartide

/
Abbiamo scritto in diverse occasioni del San Giuseppe Due, un motoveliero costruito dallo storico "Cantiere Palomba" di Torre del Greco (Na) fondato nel 1850. Continuando oggi la sua attività, al suo datato timone c'è il giovane Giuseppe, guidato dalla saggezza del simpaticissimo settantasettenne nonno Giuseppe, che vanta esperienze di valente mastro d'ascia di altri tempi ed esperto marinaio.

San Giuseppe Due nuovamente in mare

/
3 giugno 2010 un giorno speciale per il San Giuseppe Due che, rimosso dal luogo dove il suo C.te Giovanni Ajmone Cat lo aveva riposto in secca dal 2002. Donato alla Marina Militare Italiana rispettando le ultime volontà del C.te recentemente scomparso, riprende il mare per qualche ora per essere trasportato in un cantiere di Anzio dove sarà sottoposto a lavori di ripristino... Sarà una grande emozione il suo nuovo prossimo varo e vi informeremo durante questo periodo di restauri, con il suo prossimo programma di vita che ci auguriamo sia lunghissima. Buon Vento al San Giuseppe Due ed allo spirito del suo indimenticabile C.te Giovanni Ajmone Cat
Restauro Barca Classica Levi, Settimo Velo CanavRestauro Barca Classica Levi, Settimo Velo Canav

Restauro e storia di “Isabella” Settimo Velo Canav – 1a puntata

/
Interessante restauro di un Settimo Velo Canav della fine degli anni settanta, acquistata da un appassionato milanese ed affidata al Cantiere Union Mare di Salerno per un intervento di restauro totale. Molto utile per capire come si procede in questi casi... Prima puntata... Selezionare il titolo per visualizzare l'articolo.

Il vero valore delle Speranzella Levi

/
Dubitiamo che Piero Maria Gibellini, storico della nostra nautica da diporto, abbia mai letto questo pensiero dello scrittore, poeta, matematico e drammaturgo francese. Ne dubitiamo perché Gibellini, nelle sue valutazioni sembra non dare alcun valore alle invenzioni e all’importanza che hanno, appunto nella storia. In quella della nautica da diporto italiana. Questo esperto collabora, infatti, ad un prestigioso bimestrale edito da “De Agostini Periodici” e ne cura il “Listino delle barche d’Epoca” che si presenta con queste affermazioni
Tito Mancini, il comandante Mancini

Storia di un marinaio

/
Interessantissima storia di un "grande marinaio": Tito Mancini. C.F. della G.C. italiana, raccontata da un altro ufficiale dello stesso Corpo: Massimo Maccheroni. Una storia incredibile ed emozionante di episodi drammatici ed avventurosi nei quali si è trovato coinvolto, rilevando lo spessore umano del personaggio e delle grandi esperienze di vita vissute. Una storia dalle quale c'è molto da capire ed imparare.
Sonny Levi: i miei ricordi di Don Aronow, Riva e la nautica degli anni 70

Don Aronow: il ricordo di Renato “Sonny” Levi

/
Fra i più interessati c'era Don Aronow, quella specie di Tarzan che aveva avuto un successo strepitoso nel mondo dell'offshore e degli scafi veloci d'altura. Incominciai a spiegare a Don i vantaggi dello step drive. Prima che avessi finito tutto il mio discorso, mi interruppe - fra un bel po' di colpi di flash dei molti fotografi che immortalavano l'incontro- e mi sfidò: “Scommetto 100mila dollari che questa barca non raggiunge le 60 mph”...

Sensazioni

/
Una piccola pagina di mare raccontata con la grande passione per le barche in lamellare di mogano di Sonny Levi da Bruno Intreccialagli che non nomina il noto progettista, ma la sua descrizioni agli occhi degli esperti sottintende che si sta riferendo proprio alle fantastiche barche Levi
Antartide

San Giuseppe Due: Spedizione italiana in Antartide

/
Il problema che intendo affrontare è quale spedizione sia da considerare a tutti gli effetti e sotto tutti gli aspetti “La Prima Spedizione Italiana in Antartide". Questo argomento mi sta par­ticolarmente a cuore perché io stesso ho dedicato alle vicende ad esso legate, insieme con altri miei coetanei, più di un anno della mia vita. A venti anni si è entusiasti, sinceri, idealisti, disinteressati, pronti ad ogni sacrificio per raggiungere l’obiettivo che abbiamo o che ci hanno proposto. Il nostro era quello di raggiungere l’Antartide