Articoli

Il vento di Valeria Serra

/
Valeria Serra racconta del vento e dice: è come l'anima, soffio di vita... terra che respira e le sue proprietà sono tutte prese in prestito... Scrittori, cantanti, artisti senza il vento non sarebbero esistiti e nel breve ma significativo pezzo è spiegato...

Poesia del Fiordo di Furore - Costiera Amalfitana - Salerno di Giuseppe Antonello Leone

/
Un bella poesia di mare di un fantastico luogo incastonato nella meravigliosa Costiera Amalfitana: il Fiordo di Furore, con le sue case scavate nella roccia tra cui una che fu il covo di una intensa storia d'amore di cui furono attori di vita Roberto Rossellini e la indimenticabile nella sua bravura di artista, Anna Magnani. Questo luogo era usato dai pescatori del posto per alare le loro barche dopo la pesca... Gia luogo in cui vi era una cartiere

Poesia del mare - brevi frasi

/
Raccolta di poesie del mare, racconti e poesie selezionate da Antonio Soccol.
racconti di mare

La musica del mare - storie e racconti di mare

/
La musica del mare, storie e racconti poetici dedicati al mare a cura di Soccol Antonio

Poesie che raccontano il mare

/
Quasi fosse troppo grande e troppo potente per le virtù comuni, l'oceano ignora compassione, fede, legge, memoria. La sua incostanza può essere mantenuta conforme ai propositi umani solo con una risolutezza indomita, e con una vigilanza insonne, armata, gelosa, in cui, forse, c'é sempre stato più odio che amore. Odi et amo può ben essere la professione di fede di coloro i quali coscientemente o ciecamente hanno consegnato la propria esistenza al fascino del mare.

Poesie e brani che parlano del mare

/
Una vera mostra d'orticoltura, una serra di piante preziose. Tutte queste volute colorate che sulla terra potrebbero chiamarsi azalee, ibisco, margherite di prato e felci, hanno qui un solo nome: coralli. Sono talmente stupito che mi immergo per toccare ogni efflorescenza. Voglio rendermi conto e accarezzo colle dita una massa rotonda, tocco il fusto cesellato di un corallo colonnare, sfioro il ventaglio spiegato di un polipaio scarlatto, schivo le forme più minacciose e scatenate. E' una giungla, a cui non mancano le liane, sorgenti dal fondo come catene metalliche rugginose, che scambiamo là per là con fili di ferro naufragati, e invece sono speciali gorgonie, le virgolarie.