AltoMareBlu – Barche classiche e d’epoca dagli anni 60

La tecnica e la nautica moderna

Barche one off - Registro Storico Carene Levi

Barche da diporto costruite in unico esemplare, fanno parte di questo registro tutte quelle imbarcazioni progettate anche a fini d’impiego particolari, pezzi unici per armatori esigenti

Italcraft Drago - barca disegnata da Renato "Sonny" Levi

Italcraft Drago – barca disegnata da Renato “Sonny” Levi

Il Drago nacque su precisa richiesta del progetto fatta a Levi dai fratelli Sonnino titolari del cantiere Italcraft di Gaeta che ne curarono la produzione.

Fu la prima barca da diporto al mondo prodotta in serie con motori diesel ed eliche di superficie che raggiungeva i 50 nodi.

Un evento tecnico eccezionale per una barca da diporto radicalmente nuova che solo l'estro geniale di Levi permise di realizzare, rappresentando certamente un fiore all'occhiello importante in tutta la sua brillante carriera di ingegnere progettista
25/11/2006/da Giacomo Vitale
Libro MILESTONES IN MY DESIGNS di Renato Levi

Milestones in my designs il libro di “Sonny” Renato Levi

Milestones in my designs è un libro che ha scritto Sonny Levi ricco di foto, disegni tecnici della maggior parte delle imbarcazioni disegnate dal mitico ingegnere. E' un' opera che nella libreria dell'appassionato di imbarcazioni veloci ad alte prestazioni, non deve assolutamente mancare, perchè l'autore, non ha voluto assolutamente fare un "catalogo di lavoro" sue testuali parole espresse nella presentazione, ma una descrizione di fatti accaduti, aneddoti e racconti riguardanti gli anni sessanta, settanta ed oltre, anni eccezionalmete ricchi di soddisfazioni agonistiche e commerciali. Un libro completo che ha richiesto un grande impegno per la sua realizzazione, dove Levi parla dei suoi progetti precursori partendo dalla capostipite Super Speranza, per andare alla pietra miliare in assoluto "A Speranziella" dalla nacquero ancora tanti altri modelli come Ultima Dea, Speranzella, Speranzella II, Spumante, Settimo Velo
15/11/2006/da Giacomo Vitale
Gianni Roghi, La danza delle mante un racconto di mare

Gianni Roghi e “La danza delle mante”

Gianni Roghi, "La danza delle mante" un racconto di mare tratto da Dahlak di Gianni Roghi, edito da Garzanti 1954. Ultima edizione Gruppo Ugo Mursia editore, 2001. (ISBN 88-425-2845-5)
08/11/2006/da Antonio Soccol

Poesie e racconti di mare

"Poesie e scritti sul mare", in questo articolo: Jacques Yves Cousteau e una poesia di Antonio Machado... Chi abbia avuto occasione di nuotare sotto la pioggia conosce la strana impressione di stare all'asciutto sotto la superficie e il timore di uscire per non bagnarsi. Un sommozzatore, a guardare in su quando piove, scorge un'infinità di mobili minuscoli spilli che traforano l'acqua. L'acqua dolce, lentamente mischiandosi all'acqua salata del mare, crea una zona di distorsione ottica nello strato superficiale, come raggi di calore dondolanti sulla terra arroventata
08/11/2006/da Antonio Soccol
Albert Hickman inventore di carene e trasmissioni nautiche

Albert Hickman, chi era costui?

Albert Hickman, "La verità è come una stella, sembra qualcosa di piccolo ma splendente e sicuro", questa affermazione compariva, nel 1940, nella brochure pubblicitaria del cantiere navale americano di William Albert Hickman.

E da questo già si capisce un pò chi fosse questo estroso e geniale personaggio, nato a Dorchester, New Brunswick (Canada) nel 1877, inventore di carene, di trasmissioni, capace di intuizioni straordinarie e, fra l'altro, anche ottimo scrittore di romanzi
08/10/2006/da Antonio Soccol
Celeste Soccol e la strana slitta marina - l'idroscivolante

Una strana affascinante e misteriosa slitta marina – l’idroscivolante

Idroscivolante. Le Officine Miller non dovevano essere un semplice covo di picchiatelli perchè i motori Miller davano, effettivamente, un sacco di potenza.

Altro elemento determinante: il 26 settembre del 1914 (Celeste Soccol era già negli Usa) la rivista "Scientific American" pubblicò un articolo che iniziava con queste parole: "A new type of vessel, wich promises to revolutionize water craft and wich takes the same place on the water the automobile does on land" (Un nuovo tipo di natante che promette di rivoluzionare il mondo nautico e che prende sull'acqua lo stesso ruolo che ha avuto l'automobile sulla terra).

Il testo descriveva il brevetto di una carena speciale, depositato in quello stesso anno dal canadese William Albert Hickman. Questa carena si chiamava "sea sled"
01/10/2006/da Antonio Soccol
Scritto da Renato Sonny Levi - A man after my own heart

A man after my own heart – scritto da Renato Sonny Levi

A man after my own heart di Renato Sonny Levi:

Ricordo che eravamo alla vigilia del "Dauphin d' Orâ" del 1966, cioè della prima gara offshore nella storia della motonautica d'altura francese. Antonio era lì per coprire giornalisticamente l'evento per la rivista "Mondo sommerso" e io, invece, per correre con Gianni Agnelli sulla sua nuova barca "Ultima Volta"
29/09/2006/da Renato "Sonny" Levi
Ultima Volta Cantiere Delta

Conversazione in Thailandia di Antonio Soccol

Da oltre un decennio "Sonny" vive in Thailandia per nove mesi all' anno: si concede dolci crociere in Malesia, a Sumatra, in Borneo. Poi, quando laggiù inizia la stagione delle grandi piogge, torna in Europa, all' isola di Whigt e aspetta. Verso la fine di settembre mi telefona e mi dice: "Le rondini sono già tutte allineate sul filo della luce: ho preso perciò il biglietto dell'aereo perchè è tornato il tempo di migrare e se ne vola, assieme alle rondini, nel suo amato Oriente.
29/09/2006/da Antonio Soccol
La storia della Canav (Cantieri Navaltecnica) di Anzio

La storia della Canav (Cantieri Navaltecnica) di Anzio

La storia in breve della Canav di Anzio ...raccontata dal Sig. GRECO ex direttore tecnico dal 1961 al 1971 ed attualmente titolare della Soc. CANAV, Centro Architettura Navale Industrial Ship Model, specializzata in modelli di cantiere. Il fondatore del Cantiere Navaltecnica di Anzio è stato il Comm Attilio Petroni, con il quale ho avuto una profonda amicizia ed un raro rispetto per la signorilità e la passione con cui ha dedicato la sua vita a questo cantiere
26/09/2006/da Giacomo Vitale
La storia di Renato Sonny Levi e la nautica italiana

Renato “Sonny” Levi

Renato Sonny Levi: "penso di essere nato più che designer, ingegnere poiché la mia passione è quella di risolvere problemi". Quando era ragazzo disegnava in continuazione schizzi di aerei e di barche ed era molto affascinato dal volo. Alla fine della guerra, quando lasciò la RAF studiò ingegneria aeronautica e doveva essere destinato per progettare jet, ma il padre un bel giorno gli impose di ritornare in India dove aveva fondato un cantiere Afco, visto che la sua famiglia si era trasferita a Bombay intorno agli anni 20
24/09/2006/da Giacomo Vitale
Barca Classica Settimo Velo Canav

Produzione Canav 1963

La Navaltecnica di Anzio produceva nel 1963 quattro diversi tipi di imbarcazioni da diporto di differente grandezza, onde poter accontentare la richiesta di ogni appassionato di nautica.

Le imbarcazioni CANAV si identificavano tutte, a prescindere dalle loro dimensioni, su tre precisi particolari e cioè
23/09/2006/da Giacomo Vitale
Speranzella un magnifico day cruiser progettato da Renato "Sonny" Levi

Speranzella un magnifico day cruiser progettato da Renato “Sonny” Levi

Speranzella un magnifico day cruiser progettato da Renato "Sonny" Levi alla CANAV di Anzio; uno straordinario cantiere degli anni 60/70 ammirato in tutto mondo da non dimenticare. Definirei Renato Levi, al pari di Enzo Ferrari, un progettista navale di imbarcazioni da competizione, da diporto e militari di notevole spessore innovativo e che ha segnato indelebilmente il passaggio tecnologico evolutivo degli anni 60, con la sperimentazione di nuovi disegni di carene con profili speciali, dalle tecniche costruttive evolute tanto da essere vergognosamente copiate da altri cantieri importanti fino al plagio sfacciato. Resta comunque questo grande merito che nessuno potrò mai negargli insieme ai suoi più stretti collaboratori e a tutto lo straordinario personale CANAV che si sono a lui affiancati durante quei mitici anni 61 - 73 di cui parlerò più avanti...
22/09/2006/da Giacomo Vitale
Renato Sonny Levi e la Navaltecnica di Anzio

Renato “Sonny” Levi e la Navaltecnica di Anzio

Renato Sonny Levi e la Navaltecnica di Anzio, tra le migliaia di cantieri che in tutto il mondo si dedicano alla costruzione di imbarcazioni veloci da media crociera, ce n'è uno - ITALIANISSIMO - più unico che raro, universalmente famoso per le vittorie conquistate dagli scafi della sua insegna - un ippocampo con l'ombrello - in alcune tra le più celebri e dure competizioni, inglesi, francesi ed italiane
22/09/2006/da Giacomo Vitale
Idroscivolante T108 esposto al Salone di Venezia 2007

T 108 Idroscivolante

Un nostro lettore, Vincenzo Cicogna, ci ha inviato un breve e gradevole filmato sul 6° Salone della Nautica di Venezia nel quale si notava un bellissimo idroscivolante restaurato che ci ha incuriosito molto. Lo stesso sig Cicogna, da noi attivato, ci ha permesso di contattare la sig.ra Lisa Salmaso, responsabile di Marketing del noto Cantiere Dalla Pietà Yacts che ha curato tutte le operazioni di recupero di questo idroscivolante risalente agli anni 30 e fornendoci immagini, caratteristiche tecniche e notizie storiche che abbiamo pubblicato nel presente articolo.
16/09/2006/da Alessandro Vitale

Poesie e brani che parlano del mare

Una vera mostra d'orticoltura, una serra di piante preziose. Tutte queste volute colorate che sulla terra potrebbero chiamarsi azalee, ibisco, margherite di prato e felci, hanno qui un solo nome: coralli. Sono talmente stupito che mi immergo per toccare ogni efflorescenza. Voglio rendermi conto e accarezzo colle dita una massa rotonda, tocco il fusto cesellato di un corallo colonnare, sfioro il ventaglio spiegato di un polipaio scarlatto, schivo le forme più minacciose e scatenate. E' una giungla, a cui non mancano le liane, sorgenti dal fondo come catene metalliche rugginose, che scambiamo là per là con fili di ferro naufragati, e invece sono speciali gorgonie, le virgolarie.
25/02/2006/da Giacomo Vitale
Barca classica Sonny Vega 318: fine restauro
/da

Barca classica Sonny Vega 318: fine restauro

Eccoci arrivati al nostro penultimo appuntamento con i nostri lettori in cui presentiamo il Sonny Vega 318 ultimato e che spero possa piacere ai tanti appassionati che nel corso di questo restauro ci hanno seguito e che mi hanno contattato ringraziandoci per le notizie tecniche che abbiamo fornito, anche per altri appassionati che hanno voglia di restaurare un motoscafo bello da 18 piedi e dalle linee di carena filanti, con una stellatura che ne assicura una corretta e veloce planata.
/da

Speranza Mia di Renato “Sonny” Levi

Speranza Mia fu costruita nel Cantiere Afco di Bombay nel 1956, quando Renato "Sonny" Levi era il capo ufficio progetti. Per quei tempi Speranza Mia presentava molte idee nuove e nelle prestazioni non aveva concorrenti tra le barche di eguali dimensioni. Le linee d'acqua erano datate ma le migliaia di miglia percorse da "Sonny" Levi al timone di questa barca speciale e senza problemi, ne hanno dimostrato l'assoluta bontà di progetto, con un'ottima vivibilità.
Barca classica Sonny Vega 318: fine restauro
/da

Barca classica Sonny Vega 318: fine restauro

Eccoci arrivati al nostro penultimo appuntamento con i nostri lettori in cui presentiamo il Sonny Vega 318 ultimato e che spero possa piacere ai tanti appassionati che nel corso di questo restauro ci hanno seguito e che mi hanno contattato ringraziandoci per le notizie tecniche che abbiamo fornito, anche per altri appassionati che hanno voglia di restaurare un motoscafo bello da 18 piedi e dalle linee di carena filanti, con una stellatura che ne assicura una corretta e veloce planata.
Baglietto La Spina
/da

Baglietto 12 metri “La Spina” S.I. I-1 1929 in vendita

In vendita "La Spina" il primo yacht Baglietto 12 metri a stazza internazionale costruito in Italia. Nella storia dello yachting i 12 metri S.I. sono considerati i racer più eleganti. Nel 1929, quando fu varato, pochi yacht erano registrati in questa classe ed erano in gran parte americani, inglesi, scandinavi e tedeschi
Barca classica Italcraft Mini Drago in vendita
/da

Italcraft Mini Drago Grisù in vendita – ultime foto

Dopo diversi anni che il suo armatore l'ha usata con soddisfazione, per variate esigenze di famiglia ha deciso di passare ad una barca più grande e comoda, nascendo quindi la necessità di vendere il suo Mini Drago divenuto ormai troppo piccolo e per non avendo il tempo necessario per dedicare le dovute attenzioni che un gioiello Levi merita assolutamente, la giusta decisione di venderlo a chi invece ha passione, tempo e voglia di farlo sempre splendere, come giustamente merita.
Baglietto La Spina
/da

Baglietto 12 metri “La Spina” S.I. I-1 1929 in vendita

In vendita "La Spina" il primo yacht Baglietto 12 metri a stazza internazionale costruito in Italia. Nella storia dello yachting i 12 metri S.I. sono considerati i racer più eleganti. Nel 1929, quando fu varato, pochi yacht erano registrati in questa classe ed erano in gran parte americani, inglesi, scandinavi e tedeschi
/da

Garda Solar – Alto design, materiali riciclabili ed energia rinnovabile

Bellissimo contributo di Vitorio di Sambuy per la realizzazione di una barca realizzata con materiali riciclabili e mossa da un motore fuoribordo elettrico azionato da batteria agli ioni di litio e ricarica generata dai pannelli fotovoltaici applicati come vela... interessante anche l'intervento di Aspronadi promuovendo il concorso UBPT, una barca per tutti...
/da

Considerazioni sulla vela d’altura

Un articolo interessantissimo che si basa sulle esperienze dei Cantieri Perini che hanno già costruito navi che hanno la propulsione a vela in aggiuna a quella amotore e che potrebbe rappresentare anche il futuro di queste unità da trasporto mercantile e civile... così come dimostrato da questo cantiere attento a queste problematiche ecologiche e raccolte dall'attento Vittorio di Sambuy che crede molto in questo futuro ecologico per ogni nave o unità che solchi i mari del mondo, cercando di usare le energie naturali e mettendo decisamente al bando il petrolio ed i suoi derivati...
/da

Speranza Mia di Renato “Sonny” Levi

Speranza Mia fu costruita nel Cantiere Afco di Bombay nel 1956, quando Renato "Sonny" Levi era il capo ufficio progetti. Per quei tempi Speranza Mia presentava molte idee nuove e nelle prestazioni non aveva concorrenti tra le barche di eguali dimensioni. Le linee d'acqua erano datate ma le migliaia di miglia percorse da "Sonny" Levi al timone di questa barca speciale e senza problemi, ne hanno dimostrato l'assoluta bontà di progetto, con un'ottima vivibilità.
Lamborghini Squide Bone
/da

Lamborghini Squid Bone: una proposta indecente!

Invitato da Ferruccio Lamborghini insieme all'ing. Renato "Sonny" Levi, ci chiese una collaborazione con il suo gruppo insustriale che intendeva allargare la produzione anche alla naitica: "Voglio la barca più veloce che esista sul mercato: la Miura del mare!" ed aveva anche dettato la forma che doveva avere questa barca innovaiva: l'osso di seppia! Una provocazione? No! Una novità
/da

Novantanove barche (quinta ed ultima puntata)

Gli addetti ai lavori della nautica conoscono certamente l'architetto Franco Harrauer che ha realizzato tanti progetti di navi, imbarcazioni da diporto ecc. lasciando un segno di tutto rispetto nel settore, legando al suo nome molti progetti di barche da diporto che sono state comandate da tanti appassionati di barche veloci e performanti. Interessanti i diversi modelli di Squalo progettati da Harrauer e costruiti nell'omonimo cantiere di Pozzuoli, di cui ancora oggi a tanti anni di distanza, se ne vedono ancora navigare, alcuni in ottime condizioni ed in grado di distinguersi dalle barche attuali, non in grago di reggere il confronto tecnico e più generale alla navigazione più spinta e peperina. Sollecitato da tutti noi di Altomareblu, Franco Harrauer ci racconta in sei puntate della sua speciale carriera di progettista navale
/da

O falso Pao de Aqucar – di Franco Harrauer (ultima puntata)

Puntata conclusiva dell'avvincente ultimo racconto "O falso Pao de Aquar" scritto dal compianto Franco Harrauer, di cui ho curato la correzione del testo, l'ottimizzazione di foto, disegni ed immagini oltre a tutti gli altri pubblicati in esclusiva su AltoMareBlu, come tanto desiderato dal suo autore.
nave Ankara
/da

R.N. Araxos – ultima puntata

MARE EGEO: notte tra i 26 ed il 27 Marzo 1941L’Ankara a pieno carico beccheggiava malamente ed immergeva la sua prua anche nelle corte onde crestate di bianco che il maltempo levatosi improvvisamente.
/da

La lunga apnea di de La Penne

«E allora persi la pazienza, ero incazzato e stanco, gli mollai un pugno in testa e dopo avergli serrato il boccaglio tra i denti, lo spinsi sott’acqua dentro la garitta: Vai con Dio! Era come un corpo morto... »
/da

Sommergibile Nessie, fantasia o realtà?

Pochi mesi fa è morto l'architetto Franco Harrauer con cui tardivamente, solo nel 2011, avevo avuto la possibilità di entrare in contatto e stabilire con lui un buon rapporto di amicizia.Tra i vari racconti di Harrauer pubblicati su AMB, “Sommergibile Nessie” è senza dubbio il mio favorito...
/da

Suez – ultima puntata

L’azione descritta è immaginaria, ma nel 1941 fu realmente pianificata nella strategia delle possibilità offerte dai mezzi e dagli uomini della “X Flottiglia MAS”. I nomi dei protagonisti principali sono immaginari, al contrario dei nomi degli operatori delle altre azioni descritte.
salone nautico genova 2008
/da

Il nuovo non e’ bello e il bello non e’ nuovo (3°) – Barche “da porto” o da diporto?

Il 28 giugno scorso, all’indirizzo informatico che figura sotto la mia firma negli articoli che Barche mi pubblica, ricevo una e-mail da parte di Sergio Abrami, progettista di barche. Stranamente la mail non ha né testo né allegati. Rispondo al mittente con un laconico: “Errore o dimenticato qualcosa?”.Poco dopo ricevo un’altra mail dallo stesso Abrami. Anche questa assolutamente vuota. Rispondo nuovamente segnalando la cosa e suggerendo l’utilizzo di un mio altro indirizzo informatico. Finalmente il 7 luglio entro in possesso di un testo leggibile e di alcuni preziosi “allegati”. Uno di questi è il pdf di un depliant in cui si dice che il 4 luglio ci sarebbe stato a Messina un interessante convegno per il terzo Congresso “Sea-Med” organizzato dall’Università di Messina. Troppo tardi.Selezionare il titolo per visualizzare l'articolo.
/da

La Barca non e’ un auto (30a puntata)

Una provocazine il titolo di questo articolo che tratta della situazione della nautica attuale legata al momento economico che viviamo. Interessante lo sviluppo che prospetta l'articolo e che conclude dicendo che occorrerebbe un Marchionne della nautica per risollevare tutto il settore in campo mondiale...
/da

Rock around the States (6): Don Aronow

Sulla vita di Don Aronow sono stati scritti migliaia di articoli e due libri. Tony Scott e la Fox 2000 ne hanno fatto un film, scritto da Michael A.M. Lerner insieme a Jeff Shapiro e Alan Hecht. Dalla vita del pilota è stato inoltre tratto un documentario indipendente realizzato da Max Alvarez.
/da

London Valour: vento, mare, cuore e lacrime a Genova 40 anni fa

Questa la storia vera della “London Valour” e del suo equipaggio, dei tanti atti di eroismo, di una città e dei suoi abitanti, colpiti da quest'assurda tragedia del mare tanto da volerla immortalare in una canzone "Parlando del naufragio della London Valour", di Fabrizio De Andrè, anch'egli testimone al naufragio di quel 9 di aprile del 1970, da cui sono tratti i versi in corsivo nel testo.
/da

Speranza – Levi: Cantiere Canav – Navaltecnica di Anzio

Notizie tecniche della Speranza, progetto di renato "Sonny" Levi e costruita dai cantieri Canav - Navaltecnica di Anzio nelle versioni da diporto e per la Guardia di Finanza Italiana. Risultano altri esemplari costruiti all'estero in altri cantieri e sempre in versioni militari
/da

Speranza – Levi: Cantiere Canav – Navaltecnica di Anzio

Notizie tecniche della Speranza, progetto di renato "Sonny" Levi e costruita dai cantieri Canav - Navaltecnica di Anzio nelle versioni da diporto e per la Guardia di Finanza Italiana. Risultano altri esemplari costruiti all'estero in altri cantieri e sempre in versioni militari
Barca Guardia di Finanza
/da

G.di F. – G 42 Nuvoletta – maresciallo Luigi Santo: inseguimenti scafi contrabbandieri – ricordi di un radarista

Arrivai a bordo un pomeriggio dei primi di settembre del 1984, con la categoria di radarista, avevo poco più di tre mesi di reparto passati a Taranto e poca esperienza, tutto l’equipaggio era lì come se stesse aspettando qualcosa, ricordo le facce quando entrai. Dopo i consueti convenevoli la prima cosa che mi disse il comandante dell’unità fu: ”cambiati che tra poco si esce in mare”. Porc... ecco cosa aspettavano! Il mio baule era ancora sul sedile posteriore della mia macchina!!!
/da

Rivista Marittima – ottobre 2015

Nel numero di ottobre con l'interessantissimo articolo dell'ammiraglio Caffio sui "Mari d'Italia" viene esaminato proprio il regime giuridico esistente sui mari che bagnano la nostra penisola. Ovvero, i trattati stipulati e le questioni ancora aperte con i nostri confinanti marittimi. Come ricordato altre volte sulla nostra Rivista Marittima la questione dei confini