Torna a Surriento di Gian Battista ed Ernesto De Curtis

Torna a Surriento è una canzone nata in occasione di un evento e non è una canzone d’amore, come lascerebbe pensare ascoltandola nell’interpretazione di famosissimi tenori e cantanti di varie epoche… ma veniamo al fatto:

Nel settembre del 1902 l’on. Giuseppe Zanardelli, allora presidente del consiglio, fu ospite presso il Grand Hotel di Sorrento ed il suo proprietario, Guglielmo Tramontano, cercò in tutti i modi di convincere l’onorevole a fare aprire nel paese un ufficio postale, riuscendoci. Per essere sicuro che l’on. Zanardelli non si dimenticasse della promessa fatta, purtroppo com’è consuetudine della gran parte dei politici, Tramontano chiese ai due fratelli, l’artista Gian Battista ed musicista Ernesto De Curtis, di scrivere al volo una canzone per lo speciale ospite. In poche ore nacque “Torna a Surriento”.

Fu così che il giorno successivo, al momento della partenza,l’onorevole Zanardelli ascoltò coinvolto piacevolmente il brano appena detto nell’esecuzione di  Maria Cappiello, una giovane e bella studentessa del Conservatorio di Napoli. L’onorevole chiese anche il bis e rimanendo commosso, promise di mantener fede all’impegno assunto per l’apertura dell’ufficio postale a Sorrento.

I versi della mitica canzone nel 1894 erano già stati scritti. Infatti esiste uno spartito di quell’anno edito dalle Edizioni Bilderi che, quel noto giorno venne adattato sul testo originale per farlo ascoltare all’on. Zanardelli.  In effetti, dalle dieci quartine ascoltate nel 1902, la canzone fu ridotta a sei.

Nel 1904 di “Torna a Surriento” fu presentata una nuova versione realizzata dalla casa musicale Bilderi. Dopo un paio d’anni fu modificata in occasione della partecipazione alla festa di Piedigrotta che si teneva a Napoli, diventando quel suggestivo successo che noi tutti conosciamo e che in fondo evidenzia la sofferenza per il distacco da una terra e da un mare particolare… e per ogni separazione, diventando una melodia internazionale conosciuta in gran parte del mondo.

Per concludere la storia di questo evento occasionale, la promessa fatta dall’allora onorevole Zanardelli fu mantenuta e Sorrento ebbe il suo ufficio postale…

Giacomo Vitale

(testo in napoletano)

Vide ‘o mare quant’è bello!
Spira tantu sentimento.
Comme tu a chi tiene mente
Ca scetato ‘o faje sunnà.
Guarda, gua’ chistu ciardino;
Siente, sie’ sti sciure arance.
Nu prufumo accussì fino
Dinto ‘o core se ne va…
E tu dice “I’ parto, addio!”
T’alluntane da stu core…
Da la terra da l’ammore…
Tiene ‘o core ‘e nun turnà
Ma nun me lassà
Nun darme stu turmiento!
Torna a Surriento,
Famme campà!
Vide ‘o mare de Surriento,
Che tesoro tene ‘nfunno:
Chi ha girato tutto ‘o munno
Nun l’ha visto comm’a ccà.
Guarda attuorno sti sserene,
Ca te guardano ‘ncantate
E te vonno tantu bene…
Te vulessero vasà.
E tu dice “I’ parto, addio!”
T’alluntane da stu core…
Da la terra da l’ammore…
Tiene ‘o core ‘e nun turnà
Ma nun me lassà
Nun darme stu turmiento!
Torna a Surriento,
Famme campà!

Traduzione in italiano:

Vedi il mare come è bello!
Ispira molto sentimento.
Come te che a chi guardi
Da sveglio lo fai sognare.
Guarda, guarda questo giardino;
Senti, senti questi fiori d’arancio.
Un profumo così delicato
dentro al cuore se ne va…
E tu dici: “Io parto, addio!”
Ti allontani da questo cuore…
Dalla terra dall’amore…
Hai il coraggio di non tornare?
Ma non lasciarmi,
Non darmi questo tormento!
Torna a Sorrento,
Fammi vivere!
Vedi il mare di Sorrento,
Che tesori ha nel fondo:
Chi ha girato tutto il mondo
Non l’ha visto come qua.
Guarda intorno queste Sirene,
Che ti guardano incantate
E ti vogliono tanto bene…
Ti vorrebbero baciare.
E tu dici: “Io parto, addio!”
Ti allontani da questo cuore…
Dalla terra dall’amore…
Hai il coraggio di non tornare?
Ma non lasciarmi,
Non darmi questo tormento!
Torna a Sorrento,
Fammi vivere!

Una splendida esecuzione di “Torna a Surriento” eseguita dal maestro Luciano Pavarotti:

Articoli Barche Classiche

Lascia un commento:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *