Articoli

Summit Marine: One One One

/
Quando il management di Summit ha deciso che fosse il momento di investire nello yachting business ha scelto un progettista italiano, affidabile, conosciuto e di comprovate capacità. Il risultato è il One-One-One: lo yacht è costruito in composito, in piccola serie, con una supervisione interrotta ed un'attenzione per la qualità che non viene mai meno. Lo stadio di progetto preliminare ha richiesto più tempo del normale perché Summit Marine ha voluto pianificare ogni possibile aspetto della nave prima di iniziare la costruzione.

Portualita' turistica

/
La cantieristica dedicata al diporto nautico è un settore che ancora “tira” grazie a una clientela di superricchi che, in America, in alcuni paesi europei ma soprattutto in Oriente apprezzano la qualità italiana: siamo infatti al primo posto mondiale nella costruzione di superyacht... Articolo di Vittorio di Sambuy, seleziona il titolo per visualizzare l'articolo.

Navigazione in altura - di Antonio Soccol

/
L’Aga Khan ha sempre avuto barche e, una in più o una in meno, il fatto che si sia fatto costruire un superyacht da 46 metri e mezzo, non dovrebbe far notizia. Il fatto è che questa barca avrebbe dovuto filare 80 nodi e che le intenzioni del 71enne iman degli ismailiti erano di utilizzarlo per conquistare l’Hales Trophy, cioè il trofeo che premia la più veloce traversata dell’oceano Atlantico. Chi ha detto che le bio-barche non hanno futuro?
Corsara Levi Pininfarina

Superyacht Corsara - Progetto Renato Levi e Sergio Pininfarina

/
Nel 1970 Renato "Sonny" Levi progettò, su specifica ordinazione, una barca dai contenuti tecnologici eccezionali, lunga 14,80 m f.t. e motorizzata con due CRM da 1350 HP cadauno, Corsara