Rudy Pussycat 1969 – I puntata

di Giacomo Vitale

Barca d’epoca Rudy Pussicat 1969 Rodriquez/Navaltecnica

DATI DI TARGARudy Pussycat: logo Rudy

  • Anno di costruzione: 1969
  • Numero di serie: 2
  • Lunghezza ft: 9,80 mt
  • Larghezza ft.: 3,24 mt
  • Specchio di poppa: 2,90 mt
  • Puntale: 1,30 mt
  • Timone: ruota con comando idraulico
  • Navigazione: oltre le 6 (sei) miglia dalla costa
  • Portata massima: 8 persone
  • Motori: entrobordo Perkins (Inghilterra) 2 x 165 HP TD
  • Numero cilindri: 6
  • Potenza totale: 335 HP a 2600 giri/min
  • Anno di costruzione: 1969

Costruzione in tre strati di lamellare di mogano da 8mm incrociato a 45° ed incollati con colla resorcinica

INTERNI

  • Cabina armatoriale a prua, cabina centrale e bagno: in buone condizioni
  • Ponte e pozzetto:originale ed in buone condizioni.
  • Impianti interni: Tutto originale ed in buono stato.

DESCRIZIONE

Rudy è una barca d’epoca tutta originale ed in condizioni d’uso più che buone, ci riferisce il signor Norman Di Iorio, figlio dei proprietari: signora Campanile Elda e del signor Enrico Di Iorio. Acquistata nel 1992 Rudy Pussycat è stata utilizzata solo nel periodo estivo da maggio a settembre e rimessata sempre al coperto per il resto dell’anno.

LAVORI ESEGUITI

Opera viva ed opera morta riportate a legno nel 1999 con trattamendo del fondo e ripittata integralmente così come previsto dal cantiere Canav che la costruiva.

  • Eliminazione dello strato di vetroresina che rivestiva il fondo della sala macchine.
  • Impianto elettrico rifatto integralmente.
  • Nel 2006 sono state istallate le batterie nuove.

EVENTI PARTICOLARI

Infine ci riferisce il signor Norman Di Iorio che questa unità  ha partecipato ad una edizione della Bastia – Viareggio – Bastia riservata ai motoscafi da diporto.

La barca è tutta originale e tenuta in buono stato di conservazione. Tuttavia occorrono dei piccoli interventi di manutenzione ordinaria per evidenziare meglio il suo aspetto sobrio, originale ed elegante.

RUDY PUSSYCAT HA CAMBIATO ARMATORE

Il giorno 26 novembre ho ricevuto la mail entusiasta dei nuovi armatori di questa splendida barca che mi hanno detto di averla già affidata ad un cantiere di loro fiducia per riportarla al suo antico splendore. Infatti era da qualche anno che non andava in mare e c’erano da fare manutenzioni ordinariaee certamente qualche altra straordinaria. Insomma tra breve Rudy Pussycat ritornerà a navigare ed auguro ai suoi nuovi proprietari di poter fare delle spendide crociere con questa barca che certamente darà loro delle grandi soddisfazioni per il suo carattere sobrio ed elegante che la distingue e che si farà guardare certamente ovunque vada.

Mi permetto però di consigliare un aumento di potenza per i motori, poichè la stazza della barca è in grado di affrontare anche mari duri ed in planata, con un’andatura a velocità soddisfacente. La potenza consigliata è da 220 a 300 HP a motore, con conseguente sostituzione degli assi e delle eliche. La scelta potrebbe essere fatta tra motori Aifo o Volvo Penta.

Auguri vivissimi ai nuovi proprietari e rimaniamo in attesa delle nuove foto e delle novità di questa “Vera Signora del Mare”, permettendoci di non perdere i contatti con barche uniche belle e rare dal carattere speciale che oggi purtroppo non costruisce più nessuno e per questo sono ancor più preziose, essendo dei veri gioielli ormai molto rari.

Rudy Pussycat vista sinisra da prua Rudy Pussycat vista da prora
Cabina e consolle di comando viste da prua

Rudy Pussycat vista da poppa Rudy Pussycat vista ponte e cabina da prua
Vista ponte di prua e poppa, verricello, cabina.

Rudy Pussycat vista ponte e pozzetto a sinistra Rudy Pussycat vista ordinata di poppa
Vista 3/4 posteriore del ponte e pozzetto – poppa

Rudy Pussycat fiancata sinistra ponte e plancetta di poppa Rudy Pussycat posto di comando

Rudy Pussycat cabina centrale Rudy Pussycat targa identificativa

Rudy Pussycat vano bagno Rudy Pussycat cucinino lavello

Rudy Pussycat Logo Canav

Altomareblu – Tutti i diritti riservati. Note Legali

Articoli Barche Classiche

Lascia un commento:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.