Rivista Marittima – novembre 2013

Rivista Marittima novembre 2013

31 ottobre 2013: il pattugliatore d’altura CIGALA FULGOSI della Marina Militare ha preso parte, nel giro di poche ore, a due differenti interventi di ricerca e soccorso nel Canale di Sicilia, contribuendo al recupero di 317 naufraghi di diversa nazionalità, fra i quali numerosi siriani in fuga dagli orrori della guerra

EDITORIALE

QUANDO LA TECNOLOGIA NON BASTA

Mai quanto oggi è necessario disporre di piattaforme navali Dual Use. L’emergenza migrazione di metà ottobre è un’altra conferma di quanto sosteniamo sulle pagine della Rivista Marittima da mesi. La fuga in massa di migranti, che si imbarcano su natanti di fortuna dalle coste africane, si trasforma spesso in tragici naufragi, quasi quotidiani, che hanno richiesto, da parte del Governo, l’implementazione della complessa operazione umanitaria denominata MARE NOSTRUM. L’operazione prevede il rafforzamento delle attività di Controllo dei Flussi Migratori in Alto Mare con un Dispositivo Aeronavale, costituito da:

  • una Nave anfibia
  • 2 fregate
  • 2 pattugliatori
  • mezzi navali minori
  • aerei
  • elicotteri

nonché la cooperazione con l’Aereonautica Militare mediante l’impiego del velivolo a pilotaggio remoto «PREDATOR».

Una stupenda bimba africana messa in salvo dagli uomini della Marina Militare Italiana

Una stupenda neonata africana messa in salvo dagli uomini della Marina Militare Italiana

Tale Dispositivo Navale va a integrarsi e a rendere più efficace in Alto Mare l’organizzazione permanente del Soccorso Marittimo che istituzionalmente fa capo alla Guardia Costiera/Capitaneria di Porto che, ai sensi della normativa internazionale e nazionale sul Soccorso in Mare, assolve il compito di IMRCC (Italian Maritime Rescue Coordination Center), con tutto il complesso delle attività finalizzate al coordinamento delle attività di salvataggio della vita umana in mare con mezzi aeronavali militari e civili che operano nell’area marittima di competenza dell’Italia.

Le imbarcazioni usate dai migranti, per il carico di persone a bordo e per la mancanza di attrezzature individuali, si configurano quasi sempre in situazioni che richiedono il soccorso. Peraltro, chi cade in mare senza un’idonea dotazione di sopravvivenza, anche se capace di nuotare, ha scarse possibilità di rimanere vivo per più di un paio d’ore, tempo che si riduce ulteriormente in caso di panico, o di evento notturno é con mare mosso.

Il salvataggio della vita umana in mare è, poi, da sempre e ovunque un dovere etico per tutti gli uomini di mare senza nessuna distinzione. Anche in guerra i nemici vittime di affondamento devono essere salvati. Non si tratta di una facoltà, ma di un obbligo. Ma l’obbligo morale e giuridico non è sufficiente e oggi, di fronte all’entità dell’emer­genza, occorre rinforzare le capacità di controllo del traffico marittimo in alto mare.

Un Dispositivo Aeronavale di altura così come quello costituito, supportato dalla rete radar costiera e da velivoli a pilotaggio remoto, ha la capacità di assicurare una ot­timale MSA (Maritirne Situational Awareness), ossia la capacità di esercitare il controllo di una vasta area di mare, congestionata da intenso traffico mercantile e da centinaia di pescherecci.

Un naufrago in difficoltà soccorso dagli ufficiali Medici della Marina Militare Italiana

Un naufrago in difficoltà soccorso dagli ufficiali Medici della Marina Militare Italiana

Le navi e gli elicotteri imbarcati già posizionati nelle zone di massimo rischio, ga­rantiscono una maggiore prontezza nel raccogliere ogni evidenza di emergenza e contribuiscono con i loro sensori radar e ottici (anche notturni) a garantire un valido supporto informativo al Comando in Capo della Squadra Navale, situato a La Storta (Ro­ma).

Nel medesimo sito è stata ubicata la centrale del DIISM (Dispositivo Interministeriale Integrato per la Sorveglianza Marittima) sotto l’egida della Presidenza del Consiglio dei Ministri; tale Dispositivo consente la più sinergica interazione tra i vari Corpi dello Stato coinvolti nelle operazioni in mare, nel rispetto delle specifiche competenze di ogni Dicastero.

Ma per il salvataggio in mare la tecnologia è necessaria ma non sufficiente: in avverse condimeteo, in alto mare, sono necessarie piattaforme stabili, con una buona tenuta, in grado di mettere in acqua idonee imbarcazioni, oltre che impiegare elicotteri. ln altre parole servono navi Dual Use, in grado di rispondere in futuro a differenti missioni, non solo militari.

Oggi, grazie alla legge Navale del 1975. siamo in grado ancora di intervenire impiegando navi come le fregate della classe <<Maestrale>>; tra dieci anni come potremo affrontare il problema?

E’ quanto mai urgente quindi poter contare su una nuova classe di Pattugliatori di Altura multiruolo, indispensabili per sostituire buona parte delle attuali unità navali che hanno ormai superato i trenta anni di vita operativa. Le nuove navi, oltre che assicurare compiti di sorveglianza, grazie a sempre più sofisticati sensori, con costi minori ed equipaggi ridotti, potranno garantire una maggiore flessibilità di impiego sia in missioni militari che umanitarie come la Mare Nostrum.

Ampi spazi dedicati potranno inoltre garantire una migliore sistemazione delle popolazoni colpite da calamità naturali o naufragi. La migliore assistenza sanitaria che si potrà offrire direttamente a bordo ridurrà il numero delle situazioni di emergenza negli ospedali a terra che rischierebbero il congestionamento in caso di gravi sciagure.

Patrizio Rapalino

MARINA MILITARE  FACCIAMO RIPARTIRE IL PAESE

MARINA MILITARE
FACCIAMO RIPARTIRE IL PAESE

SOMMARIO

PRIMO PIANO

  • Operazione Mare Nostrum
    Fabio Caffio
  • Tensioni e conflitti nel Pacifico
    Francesco Frasca
  • Il profilo della Programmation Militaire 2014-2019
    Renato Giocondo
  • Sahara, geopolitica
    Massimo Iacopi
    Norvegia, «emirato» boreale
    Enzo Ferrante

PANORAMICA TECNICO-PROFESSIONALE

  • L’Armada nel XXI Secolo
    Michele Cosentino
  • La comunicazione non verbale
    Marina Raglianti
    I moderni sistemi per l’alimentazione da terra delle navi
    Claudio Boccalatte

SAGGISTICA E DOCUMENTAZIONE

  • Il ruolo della Marina Militare nell’adesione dell’Italia alla NATO
    Massimo De Leonardios
  • Lo strano <<ammutinamento>> del Columbia Eagle
    Lorenzo Striuli – Marco Leofrigio

STORIA E CULTURA MILITARE

  • I cantieri tedeschi Schichau del Baltico
    Renato Battista La Racine

RUBRICHE

  • Osservatorio internazionale
  • Marine militari
  • Nautica da diporto
  • Scienza e tecnica
  • Che cosa scrivono gli altri
  • Recensioni e segnalazioni

RIVISTA MARITTIMA – Mensile della Marina dal 1868

DIREZIONE E REDAZIONE
Via Taormina,4 – 00135 Roma
tel.: 06 3680 7248-54
Telefax: 06 3680 7249

internet: www.marina.difesa.it/documentazione/editoria/marivista/Pagine/default.aspx
e-mail redazione: [email protected]

DIRETTORE RESPONSABILE:

  • Capitano di Vascello Patrizio Rapalino

REDAZIONE E UFFICI

  • Attilio De Pamphilis
  • Francesco Rasulo
  • Tiziana Patrizia
  • Gaetano Lanzo

ABBONAMENTI E SERVIZIO CLIENTI

  • Vito Nicola Netti

Tel.: 06 3680 7252-1-5-7
e-mail abbonamenti: [email protected]

SEGRETERIA AMMINISTRATIVA
Tel.: 06 3680 7252
Codice Fiscale: 80234970582
Partita IVA: 02135411003

 

Articoli Barche Classiche

Lascia un commento:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.