Jiahd Regole militari di ingaggio

Rivista Marittima – marzo 2015

rivista Marittima

Rivista Marittima – marzo 2015

EDITORIALE

Lo scorso 11 Marzo si è tenuto a Roma, organizzato dal Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università La Sapienza, il dibattito L’Italia e il Mare tra geopolitica, sicurezza nazionale e strategia economica. L’incontro, che aveva il dichiarato scopo di promuovere una riflessione congiunta sulle tematiche inerenti le linee strategiche di sicurezza e degli asset produttivi del nostro Paese, relativi alla dimensione marittima, ha visto la partecipazione degli Onorevoli Casini, Latorre e Velo, del Sottosegretario alla Difesa, Onorevole Rossi, del Capo di Stato Maggiore della Marina, Ammiraglio di Squadra De Giorgi, nonché di autorevoli esponenti del mondo accademico, istituzionale e imprenditoriale italiano.

Gli interventi e l’analisi dei temi esposti hanno permesso di tracciare nell’arco di una sola mattinata un preciso ed esauriente quadro dell’attuale situazione italiana nella sua dimensione marittima, di individuarne le criticità, di sottolinearne i rischi, in special modo nel campo della sicurezza afronte dell’attuale situazione geopolitica, ma anche allo stesso tempo di delinearne le potenzialità e suggerirne le linee strategiche per il prossimo futuro.
Tanti temi trattati, tutti estremamente cari alla Rivista Marittima che infatti riproponiamo già in queste pagine e che approfondiremo ancora nei prossimi numeri.

Il primo è senza dubbio la complicata situazione geopolitica nel Mediterraneo con la crisi libica quale elemento centrale e catalizzante,fonte di forte preoccupazione per la comunità internazionale e per l’Italia in particolare, come emerge chiaramente dalla precisa e articolata analisi dell’Ambasciatore Stefano Ronca nel primo articolo della sezione Primo Piano di questo numero. L’instabilità di quest’area e, peggio ancora, la stabile presenza terroristica in essa di affiliazioni al Califfato, potrebbero creare nel nostro Paese ripercussioni potenzialmente elevatissime che sono sotto gli occhi di tutti e che a maggior ragione, anche alla luce del recente attentato terroristico a Tunisi al Museo del Bardo, vanno valutate e gestite quanto prima.

Proseguendo con i temi relativi ai nostri interessi strategici legati alla dimensione marittima, il Professor Marcigliano pone l’attenzione sulle aree strettamente connesse al Mediterraneo, ovvero l’area che va da Suez al Golfo di Aden, con le due zone focali del Sinai e dello Yemen che presentano attualmente delicate situazioni che non possono essere sottovalutate: qualora tali aree si rendessero insicure, i rischi connessi ai traffici commerciali che transitano verso e dall’Oriente potrebbero infatti determinare una situazione di «marginalirzarione» del Mediterraneo a danno della economia e della prosperità del nostro Paese.

Esemplare, in tale ambito è stato il problema della pirateria nel Corno d’Africa e nell’Oceano Indiano, affrontato seriamente dalla comunità internazionale in questi anni, con un importante impiego di mezzi aeronavali nell’area di rischio, da cui Nave Doria ha fatto proprio questo mese rientro dopo circa otto mesi di attività. Tale sforzo congiunto ha, di fatto, arrestato il fenomeno della pirateria in questi mari rendendo li nuovamente sicuri a tutto beneficio dei traffici da e verso i nostri porti.

Ma il Mediterraneo è mare con altre molteplici questioni aperte, tra cui quella delle frontiere marittime e della sempre più crescente «territorializzazione» dell’Alto Mare, già fonte di dispute tra Stati e che pone anche la questione, analizzata dall’Ammiraglio Caffio nel suo articolo, del concetto di una ZEE europea.
Tutti temi da conoscere e da affrontare con la consapevolezza comunque che il Mare Nostrum, culla di civiltà, rappresenta per noi soprattutto una eccezionale risorsa.
L’Italia è un paese marittimo e deve avere cura di proteggere gli interessi marittimi nazionali e come sottolineato dal Capo di Stato Maggiore della Marina nel corso del dibattito alla Sapienza, « … la Marina Militare rappresenta uno strumento abilitante per la strategia del Paese che deve includere la protezione del mare e la sicurezza a trecentosessanta gradi, uno strumento utile tutti i giorni, sempre … ».

Oggi dunque, più che mai, l’attuale situazione geostrategica impone al nostro Paese la necessità di uno strumento aeronavale moderno, efficiente e bilanciato, rinnovato compiutamente nei prossimi anni e capace di proteggere sul mare e dal mare gli interessi nazionali garantendo la sicurezza con una presenza continua ma non invasiva e assicurando una costante opera di sorveglianza, prevenzione e deterrenza.

Al termine di convegni come il seminario di Roma e rianalizzando criticamente la situazione attuale, il famoso quesito della fine dell’ottocento dell’ufficiale del
Regio Esercito Cristoforo Manfredi, se l’Italia deve essere una potenza marittima o continentale, sembrerebbe dunque definitivamente superato.

Stefano Romano

SOMMARIO

PRIMO PIANOPANORAMICA TECNICO - PROFESSIONALESAGGISTICA E DOCUMENTAZIONESTORIA E CULTURA MILITARERUBRICHE
La Libia Oggi

La Libia Oggi

  • 10 La Libia oggi
    Stefano Ronca
  • 20 Le due porte di Suez
    Andrea Marcigliano
  • 24 Le frontiere marittime europee: esiste una ZEE della EU?
    Fabio Caffio
  • 32 Il conteso Second Thomas Shoal
    Stefano Felician Beccari – Francesco Lombardi
La Deutsche Marine: Dal Baltico all'Oceano Indiano

La Deutsche Marine: Dal Baltico all’Oceano Indiano

  • 40 La Deutsche Marine:
  • dal Baltico all’Oceano Indiano
    Michele Cosentino
  • 50 Le autostrade del mare in 3D
    Flavia La Spada
  • 58 Jihad e regole militari di ingaggio
    Massimo Baldacci
  • 64 Piccole cause grandi effetti
    Enrico Cernuschi
  • 72 La domenica di Coronel
    Giancarlo Finizio
  • 80 La Pearl Harbor australiana
    Pier Paolo Ramoino
  • 86 Lettere al direttore
  • 90 Osservatorio Internazionale
  • 104 Marine militari
  • 114 Che cosa scrivono gli altri
  • 118 Recensioni e segnalazioni

RIVISTA MARITTIMA – Mensile della Marina dal 1868

DIREZIONE E REDAZIONEDIRETTORE RESPONSABILE:REDAZIONE E UFFICI:ABBONAMENTI E SERVIZIO CLIENTI:SEGRETERIA AMMINISTRATIVA:

Via Taormina,4 – 00135 Roma
tel.: 06 3680 7248-54
Telefax: 06 3680 7249

internet: www.marina.difesa.it/documentazione/editoria/marivista/Pagine/default.aspx
e-mail redazione: [email protected]

Capitano di Stefano Romano
Attilio De Pamphilis
Francesco Rasulo
Tiziana Patrizia
Gaetano Lanzo
Vito Nicola Netti
Tel.: 06 3680 7252-1-5-7
e-mail abbonamenti: [email protected]
Tel.: 06 3680 7252
Codice Fiscale: 80234970582
Partita IVA: 02135411003

 

Articoli Barche Classiche

Lascia un commento:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.