Rivista Marittima – aprile 2013

rivista marittima

Nave : in navigazione durante l’esercitazione Levante 2012.
Sul ponte di volo sono schierati i velivoli – AV8 – Plus e gli elicotteri – H101 – imbarcati
(Foto Marina Militare Italiana)

 

EDITORIALE

DISCIPLINA OBBEDIENZA E SACRIFICIO nell’interesse superiore dello Stato

Di fronte all’amarezza di vedere ritornare in India i nostri colleghi del San Marco Massimiliano Latorre e Salvatore Girone dobbiamo, come in passato, guardare all’ interesse superiore dell’ Italia e continuare ad operare uniti. Proprio ai principi di solida disciplina dimostrati dai due Sottufficiali si è sempre ispirata la Marina Militare nei suoi 152 anni di storia.

Quanti cittadini sono consapevoli del fatto che poche decine di sottufficiali e marinai della Brigata San Marco imbarcati in piccoli team di 6/9 membri a bordo dei nostri mercantili hanno respinto in oltre un anno di frenetica attività di protezione il 100% dei tentativi di sequestro? L’impegno della nostre navi nell’Oceano Indiano insieme all’imbarco dei Nuclei di Protezione Armata comincia a dare frutti inequivocabili nelle statistiche periodiche emanate dall’IMO (Intenational Maritime Oraganization): il numero dei tentativi di attacco rispetto agli anni 2009 e 2010 si è fortemente ridotto e nessun mercantile e marittimo italiano è sotto sequestro.

L’attuale rimanente livello di benessere è dovuto al fatto che il nostro Sistema Paese è in grado di trasformare in prodotti finiti le materie prime che giungono via mare in gran parte attraverso il Canale di Suez. Anche senza il fenomeno della pirateria, a cau­sa delle nostre carenze infrastrutturali in termini di nodi logistici, sistemi portuali, reti ferroviarie e autostradali la sommatoria del volume di traffico in container in entrata e in uscita dai 25 porti italiani più importanti è equivalente al solo porto di Anversa o Rot­terdam.

Il fenomeno della pirateria non fa altro che peggiorare la competitività degli hubs italiani come Gioia Tauro, Taranto, Genova e Trieste a favore dei porti europei del Nord Europa. Infatti, negli ultimi tre anni il fenomeno ha penalizzato i porti Mediterranei in conseguenza della scelta da parte di alcuni Armatori di optare per la circumnavigazione del continente africano nel raggiungere i nodi logistici del Mare del Nord.

Ecco perché gli effetti della pirateria in Oceano Indiano danneggiano in primo luogo l’Italia, uno dei più importanti Paesi industrializzati del mondo, ma anche la Grecia, Malta e Cipro, oltre che l’Egitto, diretto interessato alla riscossione dei pedaggi attraverso il Canale di Suez che costituiscono una non trascurabile percentuale del PIL insieme al turismo. Tutti gli altri Paesi industrializzati del Mediterraneo come la Francia e la Spagna non vengono tagliati fuori dalle linee di traffico principali in quanto possono contare sui porti atlantici.

Occorre pertanto riflettere sul fatto che le missioni svolte dai nostri fucilieri del San Marco e delle Navi della Marina Militare nella protezione dei mercantili italiani hanno una influenza strategica diretta sull’economia del nostro Paese insieme all’attività diplomatica svolta dai nostri comandanti come dimostrato dal recente accordo con la Marina di Gibuti firmato dal Contrammiraglio Antonio Natale, comandante del CTF 508 in Oceano Indiano (Operazione NATO Ocean Shield). I rapporti eccellenti che si stanno realizzando con i paesi riviereschi sono un altro fattore determinante nel ritorno alla normalità nel Corno d’Africa.

Grazie a questi sforzi congiunti in cui è determinante anche il contributo del personale che dalla centrale operativa di CINCNAV Santa Rosa, coor­dina 24 ore su 24 l’impiego di uomini e mezzi in area di operazioni, i risultati cominciano a essere più che positivi: nel 2012 i tentativi di attacco nelle acque Somale dai 147 del 2011 sono scesi a 21; come conseguenza quest’anno il numero dei mercantili in transito attraverso il Canale di Suez mostra la tendenza a crescere gradualmente dando buo­ne speranze di tornare alla normalità entro fine anno, garantendo il conseguimento di uno dei principali interessi del nostro Sistema Paese.

Patrizio Rapalino

SOMMARIO

PRIMO PIANO

  • L’evoluzione del ruolo della portaerei Italiana
    Patrizio Rapalino
  • La pirateria somala
    Gueltieio Mattesi
  • Verso una nuova legge navale?
    Enrico Cemuschi

PANORAMICA TECNICO-PROFESSIONALE

  • La Marina e il ruolo regionale del Sud Africa
    Pietro Batacchi
  • Costruzioni e sistemi navali
    Michele Cosentino
  • OMFTS (Operational maneuver fron the sea)
    Riccardo Intini
  • Le forze speciali Americane
    Giuseppe Lettore
  • La resilienza energetica
    Pasquale Tripodi

SAGGISTICA E DOCUMENTAZIONE

  • Karl Theodor Jaspers
    Renato Ferrara

STORIA E CULTURA MILITARE

  • L’aviazione navale compie 100 anni
    Ciro Paoletti
  • Il siluramento del Lusitania
    Domenico Vecchioni

RUBRICHE

  • Lettere al Direttore
  • Osservatorio Internazionale
  • Marine militari
  • Nautica da Diporto
  • Scienza e tecnica
  • Diario di guerra
  • Che cosa scrivono gli altri

RIVISTA MARITTIMA – Mensile della Marina dal 1868

DIRETTORE RESPONSABILE:

  • Capitano di Vascello Patrizio Rapalino

REDAZIONE

  • Attilio De Pamphilis
  • Francesco Rasulo
  • Tiziana Patrizi
  • Gaetano Lanzo

SEGRETERIA:

  • Giovanni Ioannone

SEGRETERIA AMMINISTRATIVA

  • Vito Nicola Netti

Tel.: 06 3680 7252
Codice Fiscale: 8024970582
Partita IVA: 0213535411003

ABBONAMENTI E SPEDIZIONI:
Antonio Campestrina
Tel.: 06 3680 7251 – e-mail abbonamenti: mari…@marina.difesa.it

 

 

Articoli Barche Classiche

Lascia un commento:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *