Rivista Marittima 2011 – novembre

rivista-marittima-nov-2011

Accademia navale di Livorno: il Piazzale Allievi addobbato per i 150 anni dell’Unità d’Italia

In primo piano sulla destra, è visibile il bompresso del Brigantino interrato.

EDITORIALE

LA STORIA NAVALE: UNA DISCIPLINA IN VIA DI ESTINZIONE?

Pochi italiani sono consapevoli del fatto che durante l’ultimo conflitto mondiale, grazie a un robusto mantenimento del Controllo del Mediterraneo centrale da par­te della nostra Marina, circa il 90% dei trasporti logistici (uomini, armi, materiali e carburanti) riuscì a raggiungere indenne le coste nord africane.

Un numero ancora più ristretto di esperti comprende che, mentre la nostra Marina per assicurare l’arrivo a de­stinazione dei rifornimenti doveva affrontare severi sacrifici in una acerrima lotta quo­tidiana, gli Anglosassoni, grazie al controllo delle rotte oceaniche, riuscivano a far giun­gere in Egitto, attraverso il Mar Rosso, pressoché il 100% dei trasporti logistici neces­sari alle truppe che avrebbero vinto a El Alamein.

Senza contare che il 100% dei rifor­nimenti alleati, in valore assoluto, era cinque volte superiore all’eventuale 100% dei rifornimenti dell’Asse. In altre parole, senza la logistica e il controllo delle linee di co­municazioni marittime, le forze aero-terrestri non possono avanzare e vincere. L’astuzia di qualche bravo generale, quale fu Rommel, unita al valore e al sacrificio dei soldati può portare anche a grandi successi tattici. Si tratta, però di vincere qualche epica bat­taglia, ma non una guerra moderna dove il valore e il sangue versato non sono sufficien­ti a fronte della potenza industriale dei contendenti.

Non occorrono opere voluminose e ricerche lunghe e complesse per divulgare sem­plici concetti di strategia e informare il grande pubblico, sempre più desideroso di co­noscere senza pregiudizi cosa sia successo durante la Seconda guerra mondiale e quale sia stato il ruolo della nostra Marina. Eppure, in Italia, gli storici di professione preferi­scono dedicarsi ad altri settori e periodi.

I più noti difficilmente affrontano temi di storia navale che non siano lo studio della battaglia di Lepanto. Del resto nelle Università ita­liane i corsi di storia militare e quindi a maggior ragione i corsi di storie navale sono scomparsi. Non esistono più giovani docenti in grado di prendere il testimone da colo­ro che si erano distinti negli anni Settanta. I ricercatori attratti dalla storie navale, per so­pravvivere, devono svolgere altre attività.

La conseguenza diretta a volte si paga con la disinformazione e il danno d’immagine. Infatti, entrando in questi giorni di shopping natalizio in qualsiasi libreria, possiamo leggere sulle locandine pubblicitarie di un nuovo libro edito da una casa editrice molto importante: L’ONORE D’ITALIA. EL ALAMEIN COSI’ MUSSOLINI MANDO’ AL MASSACRO LA MEGLIO GIOVENTU’, frasi la­pidarie a grandi caratteri tipo: «A mandarli al massacro furono il tradimento degli am­miragli e la sanguinaria follia di Mussolini (. . .) I capi della Marina rivelarono agli in­glesi le rotte dei trasporti verso Tripoli e Bengasi, privando in tal modo l’armata italo ­- tedesca dei rifornimenti necessari per raggiungere il Canale di Suez».

Libertà di pensie­ro e di opinione? Potrebbe passare definire Mussolini un «folle sanguinario». Si tratta di un giudizio soggettivo, forse un ‘eccessiva semplificazione, soprattutto se le azioni del capo del governo italiano di allora vengono confrontate con quelle degli altri dittatori del XX secolo, comunque un ‘opinione che merita rispetto. Viceversa, affermare che i vertici della Marina si macchiarono di tradimento senza alcuna prova tangibile costi­tuisce un atto di denigrazione gratuita e superficiale.

Purtroppo, anche coloro che non acquisteranno o non leggeranno il libro, comunque recensito in questo numero, nel ri­spetto della libertà di espressione, da Enrico Cernuschi, leggendo la seconda di coperti­na e la pubblicità si faranno un ‘opinione sbagliata che difficilmente potrà essere smen­tita dai pur seri e ponderosi lavori pubblicati dall ‘Ufficio Storico della Marina Militare con tirature che non possono competere con l’editoria commerciale.

L’Italiano curioso che non si ferma davanti ai giudizi superficiali di giornalisti che si improvvisano culto­ri della materia per tentare di comprendere la nostra guerra marittima è quindi costretto a rivolgersi all’estero leggendo i libri di Vicent P. O’Hara, Robert Mallet, James Sedko­vicb, Brian Sulliven, John Gooch.

Del resto, durante l’ultimo Simposio di storia navale tenutosi ad Annapolis (Stati Uniti) nel mese di settembre 2011, non era presente nessun relatore italiano e gli argomenti sulla guerre in Mediterraneo sono stati trattati dai vin­citori che, grazie alla lingua inglese, esercitano la leadership anche nel settore della cul­tura storica. A noi non resta che consolerci con le nostre fiction caserecce e i Romanzi di Fantastoria.

Patrizio Rapalino

SOMMARIO: Rivista Marittima 2011 edizione di novembre

PRIMO PIANO

  • La crisi finanziaria e il vertice di Cannes
     Alessandro Corneli
  • Le unità d’assalto anfibio e gli elicotteri d’attacco in Libia
    Francesco Palmas
  • Cinque guerre tra Israele e Arabi
    Massimo Iacopi
  • India versus Pakistan
    Pietro Batacchi

PANORAMICA TECNICO – PROFESSIONALE

  • Escursus della pubblicità sulla Rivisti Marittima
    Enrico Cernuschi
  • Gli Stati Uniti e il nuovo corso della Guardia Costiera
    Michele Cosentino
  • EI Nino Southems Oscillation (ENSO)
    Stefano Monti
  • Formazione Over the Horizon
    Cristiano Betini

SAGGISTICA E DOCUMENTAZIONE

  • Il Bulukbasci della Regia Marina Ibrahim Farag Mohammed, MOVM
    Valeria Isacchini
  • A 80 anni dal varo del Vespucci
    Danilo Bufalini – Teresa Mezzucce

STORIA E CULTURA MILITARE

  • L’avventura del Bremen
    Carlo De Risio

RUBRICHE

  • Nautica da diporto
  • Scienza e Tecnica
  • Scandagliando il web
  • Che cosa scrivono gli altri
  • Recensioni

RUBRICHE ON LINE

  • Marine Militari
  • Memoandum dei principali avvenimenti

vecchie-canzoni-dei-velieri

SUPPLEMENTI ON LINE

  • LE VECCHIE CANZONI DEI GIORNI DEI VELIERI
    Itafo Ottonello

RIVISTA MARITTIMA – Mensile della Marina dal 1868
Direzione e redazione: Via Taormina, 4 – 00135 Roma
Tel.: 06 3680 7248 – Fax: 06 3680 7249
web: www.marina.difesa.it email redazione: mari@marina.difesa.it

DIRETTORE RESPONSABILE:
Capitano di Vascello Patrizio Rapalino

REDAZIONE
Attilio De Pamphilis
Francesco Rasulo
Tiziana Patrizi
Gaetano Lanzo

SEGRETERIA:
Giovanni Ioannone

ABBONAMENTI E SPEDIZIONI:
Antonio Campestrina – Tel.: 06 3680 7251
e-mail abbonamenti: mari@marina.difesa.it

Articoli Barche Classiche

Lascia un commento:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.