Per sempre me ne andrà per questi lidi,
Tra la sabbia e la schiuma del mare.
L’alta marea cancellerà le mie impronte,
E il vento disperderà  la schiuma.
Ma il mare e la spiaggia dureranno
In eterno.

Gibran Kahlil, 1926

Così soltanto all’orizzonte
scorgi l’orlo turchino del mare.
A destra e a sinistra è una distesa
tutta abitata e popolosa.

Goethe

Il granchio
Il granchio era in fin di vita
Il granchio era in fin di forze
eppure si scosse
cercando di attingere a tutte le risorse,
si aggrappò alle rocce, scivolò e si tirò di nuovo su
ma le onde di carne di quel mare finito che é l’uomo,
lo cinsero,
e per lui fu la fine.

Franz Kafka

Articoli di Antonio Soccol in evidenza:

L’uomo che baciava gli squali

Il mare si oscurò in un solo fremito. Gli squali martello era­no una nuvola, una marcia, un esercito, un mare: il cielo intero dell’ ocea­no. E non finivano mai di passare. Pensai quasi che facessero un am­pio girotondo e fossero sempre gli stessi quelli che mi nuotavano da­vanti. E invece no: mi accorsi su­bito che tutti quei “requins marteau”, come avrebbe detto Jacques-Yves Cousteau…

Lieve la brezza, bianca la spuma volava,
Mentre la scia ci seguiva:
Per primi noi irrompevamo
In quel mare silenzioso.
Cadde la brezza e caddero le vele;
Fu triste quanto più non si può dire;
Parlavamo solo per levare
Il silenzio dal mare.
Tutto in un torrido cielo di rame
Un sole di sangue a mezzogiorno
Si ergeva a picco sull’albero maestro
Non più grande della luna.
Giorno dopo giorno, giorno dopo giorno,
Restammo senza un soffio di vento, un movimento;
Fermi, come nave dipinta
In un oceano dipinto.

Samuel Taylor Coleridge, 1798

Acqua, acqua in ogni dove / E non una goccia da bere.

Samuel Taylor Coleridge

Tutti i fiumi corrono al mare, ma il mare non si riempie.

Ecclesiaste

Le spugne crescono nel mare. Mi chiedo quanto più profondo sarebbe il mare se questo non accadesse.

Steven Wright

Chi ha il dominio del mare ha il dominio di tutto.

Temistocle

I mari sono la prova tangibile che Dio ha pianto della sua creazione.

Paul Fort

Articoli di Antonio Soccol in evidenza:

Lessico marinaro e dualismo uomo-mare nell’opera di Montale.

Una importante analisi fatta da Antonio Soccol sul dualismo “uomo mare” nelle opere di Eugenio Montale

Il mare é l’immagine dell’inafferrabile fantasma della vita.

Hermann Melville

Il mare é un antico idioma che non riesco a decifrare.

Jorge Luis Borges

Il mare più bello è quello dove non navigammo.

Nazim Hikmet

In un mare calmo ogni uomo è un pilota.

John Ray

Quando un uomo trascorre la propria vita sul mare, dopo non riesce più ad adattarsi alla vita sulla terra.

Samuel Johnson

Solo sul mare si é davvero liberi.

Eugene O’Neill

Articoli di Antonio Soccol in evidenza:

La barca a vela che superò il treno

Sul ponte della Libertà, i viaggiatori dei treni che da Mestre trotterellavano sino a Venezia, si videro superare da una barca a vela con un albero di 10 metri di altezza e due belle ragazze in bikini a prua….“Sembra un pesce volante”, disse una delle due ragazze e poiché, fresca di studi, sapeva anche di latino, propose : “Perché questa barca non la chiamate “Exocetus volans” che vuol dire appunto pesce volante?” . E così fu…

Non puoi attraversare il mare semplicemente stando fermo e fissando le onde. Non indulgere in vani desideri.

Rabindranath Tagore

E’ dolce, quando in alto mare i venti sconvolgono le onde, contemplare la lotta di un altro dalla terraferma.

Lucrezio

Benchè l’uomo sia già  composto per il novanta per cento di acqua, gli astemi non ne hanno ancora abbastanza.

John H. Bangs

“Era una visione fantastica… le grandi creste dirompenti… il mare rigato di spruzzi volanti, senza un attimo di sosta”.

Miles Smeeton

“…dopo un’onda, un’altra, cento, mille altre (…) la mia barca di riflesso le avverte e si inclina lasciandole passare…”

Raffaele Brignetti

Articoli di Antonio Soccol in evidenza:

Era una notte buia e tempestosa…

Ci imbarcammo sul “Nauka” a Brindisi. Marian, da solo, aveva gironzolato per le isole della Grecia e della Croazia, sin dai primi di giugno. Poi, a Dubrovnik, aveva fatto il pieno di buon vino rosso e aveva traversato l’Adriatico facendo rotta diretta sulla città pugliese. Noi (Antonella e io) lo avevamo raggiunto con un volo da Milano…