Barca Classica Delta Levi 38 Tiger

 

Barca Offshore Delta Levi 38 Tiger

Barca Offshore Delta Levi 38 Tiger

DATI DI TARGA
  • Lunghezza ft: 11,58 m
  • Lunghezza al galleggiamento: 9,65
  • Larghezza massima: 3,27 m
  • Pescaggio: 0,58 m
  • Diedro allo specchio di poppa: 25°
  • Dislocamento: 5.5 tons
  • Motori: Twin Daytona, per totali 1050 HP

Verso la fine del 1966 sono stato felice di essere invitato a realizzare un progetto per Merrick Lewis di Alliance, Ohio.

Quell’anno, Merrick aveva gareggiato in tutte le gare più importanti europee con la sua Thunderbolt, un 28 piedi motorizzato con due Daytona 525 HP ed aveva una stagione di successo con le vittorie sia a Famagosta, che a Cipro, che Viareggio in Italia.

Merrick volle realizzare un nuovo progetto per una barca abbastanza veloce, tanto da vincere alcune gare, ma allo stesso tempo utilizzata per il suo equipaggio come una casa quando era all’ormeggio.

Merrick sapeva che il suo equipaggio “esperto” non avrebbe avuto alcuna difficoltà in merito, visto che i regolamenti di allora richiedevano che le barche offshore fossero dotate di bagno, cucinino, cuccette ecc. per l’equipaggio, utili per una vita di bordo accettabile e sfruttando questa opportunità.

Dopo il Delta 38 disegnai una barca del tutto simile anche nella motorizzazione, il Delta – Levi 38’ Tiger.

Si trattava ancora una volta di una carena disegnata secondo il concetto Delta, costruita dai cantieri Delta di Anzio e realizzata per Manlio Pietrafaccia che era stato tra i protagonisti della Viareggio-Bastia-Viareggio del 1963 con Speranzella Seconda.

La barca venne chiamata Delta Tiger e disponeva della solita coppia di Daytona montati, in questo caso, in linea diretta per avere il posto guida proprio all’estrema poppa, come richiesto dal cliente ed aveva una buona velocità, ma non mi risulta che Pietrafaccia l’abbia mai portata al via di una gara.

Il presente articolo e stato realizzato con foto, notizie tecniche e disegni tratti dai seguenti libri:

di Renato “Sonny” Levi, qui pubblicati per gentile concessione dell’autore.

Altomareblu – Tutti i diritti riservati. Note Legali

 

Articoli Barche Classiche

Lascia un commento:

5 commenti
  1. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentile Graziano,

    la barca che definisci Sfiziosella, è la Speranzella, ma vorremo da te una domanda più precisa, poiché se sei interessato a restauri eseguiti su carene levi, spesso qui nel sito ce ne sono alcuni pubblicati in varie puntate di cui puoi vedere i link di seguito indicati:

    Restauro carene Levi – Mini Drago Italcraft
    Restauro carene Levi – Mini Drago Italcraft – Operazione Grisù
    Restauro e storia di “Isabella” Settimo Velo Canav
    Il restauro del Settimo Velo Levi “Isabella”. Il varo
    Budda Special di Salvatore Gagliotta recuperata dopo 43 anni
    Restauro barche offshore: Budda Special

    Buona visione!
    Giacomo Vitale

  2. graziano
    graziano dice:

    Gradirei avere notizie recenti su recuperi Sfiziosella e altri modelli grazie.

  3. Giacomo Vitale
    Giacomo Vitale dice:

    Gentile Valerio,

    al momento non posso risponderti con precisione poiché nei dati dell’ing. Levi in nostro possesso, sia per il Delta 38 offshore, sia per il Delta 38 Tiger motorizzati entrambi con 2 x 525 Daytona, non è indicata la velocità massima. Se hai un po’ di pazienza mi informo e ti rispondo in questo spazio. Però, posso dirti con assoluta certezza che le carene del Delta 38 offshore e del Delta 38 Tiger sono molto simili a quelle del “Surfury” che montava la stessa motorizzazione ed aveva una velocità massima dichiarata prossima ai 60 nodi.

    Come detto da Levi nell’articolo dedicato alla “rivoluzionaria” Surfury, lui non ha mai saputo con precisione quale fosse la sua velocità massima, ma da alcuni rilevamenti fatti in occasione di gare internazionali offshore avrebbe sfiorato punte prossime ai 60 nodi… Inoltre, va detto che tra tutte le barche progettate da Renato “Sonny” Levi, certamente Surfury è stata l’unica ad avere una geometria di progetto efficientissima ed insuperabile, almeno per 25 anni dalla sua realizzazione, così come affermato da Levi stesso alla fine del capitolo dedicato a Surfury e pubblicato su “Milestones In My Designs“…

    Ti ringrazio per averci contattato e per il modo attento con cui segui AltoMareBlu.

    A presto,
    Giacomo Vitale

  4. Valerio Suster
    Valerio Suster dice:

    Salve.. sono rimasto incuriosito da questo articolo. Potrei sapere la velocità max in nodi?

    Grazie,
    Valerio Suster

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.